Costruiamo con le nostre mani i giocattoli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

C'è un'emergenza che riguarda i bambini del Terzo millennio: non hanno manualità. Difficilmente hanno modo di esercitarsi nel confezionare cappelli o barchette di carta, aquiloni, fionde, archi, monopattini e carrozzelle, come ad esempio, soprattutto in campagna, facevano i loro papà e nonni. Bene che vada, si esercitano nei ‘Lego’; tuttavia, se è un gioco che comunque impegna la loro manualità nell'esecuzione, al contrario dei vecchi giocattoli fai da te, è priva di progettazione. Invece decenni fa i bambini dovevano avere molta fantasia nel scegliere il giocattolo che volevano. Ad esempio, lo dovevano progettare e poi eseguire, scegliendo e utilizzando tra mille peripezie i materiali vari, per poi procedere nella costruzione. Operazioni, insomma, che rafforzavano nei bambini inventiva e praticità. Inoltre, controllando e gestendo l’intero processo della costruzione del giocattolo, le capacità cognitive e quelle di praticità si sviluppavano grandemente. Credo che i genitori e la scuola debba porsi questi problemi e trovare soluzioni con programmi adatti allo scopo. Personalmente, sono stato sempre molto interessato a che si potesse tramandare racconti e capacità di progettazione e di manualità di giocattoli fai da te ai bambini di questo tempo, e per questa ragione ho iniziato a scrivere un libro dove racconto come costruivo i miei giocattoli, nella speranza di ricordare alle persone adulte esperienze dimenticate, e catturare la curiosità dei nostri bambini. Chissà, che nei loro desideri si faccia breccia quello di confezionarsi qualche lippa, qualche aquilone, piuttosto che qualche carrozzella.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.