Chi rompe non paga

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

Il Presidente francese Macron ha gelato il presidente del Consiglio Conte, quando gli ha detto che i problemi degli sbarchi riguardano i Paesi di ‘primo arrivo’: cioè l’Italia. La verità di questa storia è che i francesi, pur scorrazzando da qualche secolo per i sentieri africani, quanto a solidarietà lasciano molto a desiderare. Sono stati in prima fila per destabilizzare la Libia per tentare di dirottare il petrolio verso le compagnie francesi a scapito dell’Eni e in ultima fila per riparare i loro danni. Insomma, chi rompe non paga!

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.