Violenze e pace a rischio: la difficile situazione della Papua Nuova Guinea

Papua Occidentale: l'omicidio di un alto ufficiale delle forze di sicurezza indonesiane ha riacceso un conflitto mai sopito dal 1969, anno in cui la regione venne annessa all'Indonesia mediante un discusso referendum.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04
Papuan activists with his forehead painted with banned separatist flag the "Morning Star" march with others during a rally commemorating the 57th anniversary of the failed efforts by Papuan tribal chiefs to declare independence from Dutch colonial rule, in Surabaya, East Java, Indonesia, Saturday, Dec. 1, 2018. Indonesia took over West Papua from Dutch colonial rule in 1963 and formalized its sovereignty over the region in 1969 through a vote by about 1,000 community leaders, which critics dismissed as a sham. A separatist group called the "Free Papua Movement" has battled Indonesian rule ever since. (AP Photo/Trisnadi)

L’isola della Nuova Guinea dal punto di vista politico è suddivisa tra la Nuova Guinea Occidentale facente parte dell’Indonesia e lo stato indipendente di Papua Nuova Guinea; la Nuova Guinea Occidentale a sua volta è suddivisa nella provincia di Papua e nella provincia autonoma di Papua Occidentale.

Annessione forzata e guerriglia insurrezionale

La Papua Occidentale è stata annessa all’Indonesia nel 1969 mediante un controverso referendum considerato illegittimo da molta parte della popolazione autoctona e per questo da allora vengono portate avanti dal gruppo di guerriglia denominato Free Papua Movement delle azioni insurrezionali finalizzate all’indipendenza della sopracitata regione duramente represse dall’esercito indonesiano che – dal 1977 ad oggi – secondo le stime ha causato oltre 100 mila vittime tra la popolazione civile.

Divampano nuove conflittualità

Tanto premesso nei giorni scorsi vi è stata una recrudescenza dell’ostilità armata tra i militari del governo indonesiano e i gruppi armati indipendentisti papuani a seguito dell’uccisione perpetrata dagli stessi del generale Gusti Putu Danny Nugraha comandante della locale agenzia di intelligence che ha provocato una dura presa di posizione del governo di Giacarta il quale ha definito terroristi i gruppi indipendentisti papuani; questi eventi hanno messo a rischio il difficile processo di pacificazione nella regione.

Un impegno internazionale per la pacificazione

Alla luce di quanto precedentemente esemplificato è fondamentale che le istituzioni preposte incentivino con ogni mezzo la pace nella regione al fine di evitare una escalation di violenza come auspicato con lungimiranza dalla diocesi di Timika in ossequio al fulgido pensiero di Papa Paolo VI che era solito dire: “Se vuoi la pace, lavora per la giustizia”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.