Multiculturalismo, emigrazione, ecologia, utilizzo consapevole della tecnologia. Una testimonianza di pace

“La pace va costruita ogni giorno, sin dai più piccoli gesti della quotidianità, con il rispetto delle persone, della prossimità, dell’alterità, della natura: nessuno può dirsi escluso", spiega Antonio Marziale, fondatore e presidente dell'Osservatorio sui Diritti dei Minori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Testimonianza

Una testimonianza di pace che nasce dalla quotidianità. Dall’infanzia alla terza età è la condivisione il terreno su cui maturano i frutti della fraternità, della solidarietà, dell’impegno civico. Papa Francesco in pandemia ha ribadito che nessun uomo è un’isola. L’emergenza Covid e il conflitto in Ucraina dimostrano che nessuno si salva da solo. Serve unire le forze per uscire da catastrofi. Guerre. Pestilenze. Carestie.testimonianza

Testimonianza di prossimità

“La pace va costruita ogni giorno. Fin dai più piccoli gesti della quotidianità. Con il rispetto delle persone di prossimità, dell’alterità, della natura. E nessuno può dirsi escluso dalla rivendicazione del diritto più importante fra i diritti umani. Soprattutto in un’epoca così tanto pericolosamente oscura per le sorti del mondo. In cui il desiderio di pace deve essere cercato, urlato, ovunque”, spiega a Interris.it Antonio Marziale, fondatore e presidente dell’Osservatorio sui Diritti dei Minori. Numerosi i suoi incarichi istituzionali. Relatore nelle commissioni al ministero delle Comunicazioni per il rinnovo del contratto di servizio della Rai. E  per la stesura dei codici “Internet e Minori” e “Tv e Minori”. Consulente della Commissione Parlamentare per l’Infanzia. Relatore in convegni, corsi di formazione e master universitari.testimonianza

Ricerca della pace

Offrire una testimonianza di solidarietà nella concretezza della vita di ogni giorno. E’ questa l’obiettivo e il motivo che ha portato a unire le forze Giuseppe Cionfoli, cantautore più volte protagonista al Festival di Sanremo, e il sociologo Antonio Marziale, in prima linea nella tutela dell’infanzia. Protagonista di alcune delle più importanti battaglie civili a salvaguardia dei minori in difficoltà. Nelle zone più degradate del Mezzogiorno come nei “ghetti” dell’indifferenza globalizzata al centro della sollecitudine pastorale e dell’azione caritativa di papa Francesco. Insieme hanno messo in piedi uno spettacolo itinerante per la stagione estiva 2022. Dal titolo “Shalom, riflessioni e canzoni alla ricerca della pace”. Shalom è anche il titolo di una canzone che il cantautore cristiano Cionfoli ha interpretato sul palco dell’Ariston. E che per lungo tempo è rimasta nella hit parade dei dischi più ascoltati.pace

Momenti di riflessione

Cionfoli e Marziale alterneranno momenti di riflessione. Su temi quali il multiculturalismo. L’emigrazione. L’ecologia. L’utilizzo consapevole della tecnologia. Ed altri fenomeni di rilevante impatto sociale. Potenzialmente in grado di inficiare la qualità di vita degli esseri umani e la pace nel mondo. Ne scaturisce uno spettacolo singolare e suggestivo. Fondatore e presidente dell’Osservatorio sui Diritti dei Minori, Antonio Marziale è stato garante dell’Infanzia della Regione Calabria. E dirigente dell’Associazione nazionale sociologi. Esperto del ruolo socializzante dei mass media e degli effetti della tv sui soggetti in età evolutiva. Cattedra di Psicologia della Comunicazione. E’ stato insignito della Laurea “Honoris Causa” in Psicologia Sociale. Ha maturato una pluriennale esperienza in qualità di educatore di gruppi infantili e adolescenziali in ambito Azione Cattolica. Gioventù Francescana. E come assistente in orfanotrofio. Ha ricoperto il ruolo di dirigente dell’ufficio rapporti col mondo cattolico del movimento giovanile Dc.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.