Yemen, Unicef: “Peggiore epidemia di colera al mondo, quasi 2000 morti”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:58

Si aggrava ulteriormente l’epidemia di colera che ha colpito lo Yemen, Stato all’estremità meridionale della Penisola araba stremato da quasi due anni di guerra civile.

“La peggiore epidemia di colera al mondo”

“Questa è la peggiore epidemia di colera al mondo all’interno della più grande crisi umanitaria al mondo”, ha detto su Avvenire Anthony Lake, direttore generale Unicef. “Solo negli ultimi tre mesi sono stati registrati 400mila casi sospetti di colera e oltre 1.900 morti associati alla malattia”, ha spiegato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale Organizzazione mondiale della Sanità (Oms).

E ora, con la stagione delle piogge che durerà fino a settembre, i casi potrebbero salire fino a 600mila, denuncia l’Oxfam, che chiede l’immediato cessate il fuoco per l’avvio una campagna nazionale per contenere il contagio. “L’obiettivo primario è garantire acqua pulita, e condizioni igieniche dignitose, indispensabili per prevenire un ulteriore allargamento del contagio”, afferma Paolo Pezzati, policy advisor per le emergenze umanitarie di Oxfam Italia.

Strutture al collasso

Un percorso accidentato poiché, come sottolinea l’Oms, le strutture sanitarie del paese sono al collasso. Medici e infermieri non percepiscono lo stipendio da sei mesi e l’Organizzazione Mondiale della Sanità sta pagando incentivi al personale medico per riuscire a creare una rete che possa fronteggiare l’emergenza. Sul campo, anche Croce Rossa e le principali ong umanitarie del mondo nel tentativo di fermare i contagi grazie a campagne di sensibilizzazione sull’igiene personale, pompe e kit per la purificazione delle acque e medicine salva vita.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.