Una via intitolata a don Benzi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:01

Una strada di Rimini sarà intitolata a Don Oreste Benzi, il prete romagnolo “dalla tonaca lisa” fondatore della Comunità Papa Giovanni XXIII. La cerimonia si terrà domani sabato 22 dicembre alle ore 11 presso il Palacongressi di Rimini, in via della Fiera. Il Vescovo Francesco Lambiasi, il prefetto Alessandro Camparota ed il sindaco Andrea Gnassi scopriranno la targa con la nuova intitolazione. Sarà presente Giovanni Paolo Ramonda, presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII. La cerimonia si svolgerà al termine dell'evento di presentazione della Fondazione “Don Oreste Benzi”. Si tratta di un nuovo ente che ha lo scopo di promuovere, approfondire e favorire lo studio del pensiero, della testimonianza di vita e delle opere promosse e attuate da don Benzi, a lui riconducibili o da lui ispirate. L’evento sarà moderato dalla giornalista Paola Severini Melograni.

“Siamo felici e onorati che una strada sia intitolata a don Oreste Benzi proprio qui a Rimini, la sua città, dove ha svolto il suo servizio sacerdotale e dove ha fondato la nostra Comunità. Da qui si è diffusa in 42 Paesi del mondo ed è in forte espansione. Riceviamo continuamente richieste di aprire nuove case famiglia e comunità da ogni angolo del globo. Segno che il carisma di don Benzi – la condivisione diretta della vita con gli ultimi e la rimozione delle cause delle ingiustizie – è universale”, spiega Giovanni Paolo Ramonda, presidente della Papa Giovanni. L’evento si inserisce nell’ambito delle iniziative per il cinquantesimo anniversario della Comunità fondata da don Benzi, culminate con la visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella lo scorso 7 Dicembre.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.