Una foto per aiutare i migranti: ecco il calendario 2018 della Polizia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:47

Sostenere il progetto “Italia – Emergenza bambini migranti“. E' queto l'obiettivo dell'Unicef e della Polizia di Stato che anche quest'anno hanno rinnovato la loro partnership per aiutare chi si trova in diffcoltà. Grazie alla loro collaborazione, è stato realizzato un calendario il cui ricavato sarà devoluto in beneficenza. Undici scatti, corrispondenti ad altrettanti mesi, sono stati realizzati da undici giovani fotografi professionisti dell'agenzia fotografica “Contrasto”, mentre la dodicesima istantanea è stata fatta da un poliziotto della polizia ferroviaria, Antonio Milicia (si tratta della stazione Centrale di Milano, che si trova al mese di giugno). Milicia ha partecipato al concorso fotografico, con molti altri poliziotti, organizzato per la prima volta al fine di coinvolgere lo stesso corpo della Polizia nella realizzazione del calendario.

Il calendario

In vendita sul sito www.unicef.it, nella sezione “regali e prodotti”, il calendario ha un costo di 8 euro (quello da parete) e di 6 euro (quello da tavolo). I proventi andranno ai migranti minori non accompagnati sbarcati in Italia che, nel 2016, sono stati 25.846. Il comitato italiano per l'Unicef, per la prima volta, donerà anche 8 mila euro del ricavato al Fondo assistenza polizia di Stato per offrire assistenza agli orfani del personale della polizia di Stato e al personale colpito da gravi malattie. Nel calendario sono presenti tutte le specialità della polizia di Stato, da quella stradale a quella ferroviaria, dal reparto mobile alle unità cinofile. “Questo calendario – ha affermato il ministro dell'Interno, Marco Minniti – è frutto di un lavoro comune, una sequenza di eccellenze. La polizia di Stato è un'eccellenza italiana e sono molto orgoglioso di aver avuto un contatto diretto con gli uomini e le donne di questa realtà”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.