Un progetto per “bambini speciali”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:00

Nell’universo dell'associazionismo risulta fondamentale non essere soli. Steadfast Onlus e Ali e Radici Onlus vogliono fornire un esempio di ciò che si può fare: creare rete tra le associazioni per fare sempre di più, sempre meglio e insieme a tante realtà diverse, unite per un obiettivo comune. In particolare sul proprio territorio, quello pontino, dove risulta che per derterminate patologie disabilitanti, le famiglie si ritrovano sole o con servizi dislocati.

Le due organizzazioni invitano alla presentazione del progetto “Ti Porto Oltre”. L'incontro, aperto a tutti, si svolgerà presso le sale del Park Hotel di Latina in due giornate: sabato16 dicembre dalle ore 17 dove avverrà la presentazione del progetto; domenica 17 dicembre presso il Centro Sportivo Park, adiacente al Park Hotel, a partire dalle ore 09 fino alle 15 saranno effettuate prove gratuite per la “Terapia Multisistemica in Acqua – Metodo Caputo Ippolito” (è richiesta la prenotazione a autismo@steadfastfoundation.org ).

Emmanuele Di Leo, Presidente di Steadfast: “Il progetto 'Ti Porto Oltre' prende forma dal grande lavoro di rete condotto senza sosta in questi mesi. Nasce per rispondere al nostro desiderio di unire tutte le attività ludiche e terapeutiche per bambini speciali. Sì, proprio bambini speciali, che insieme alle loro famiglie ogni giorno combattono con molteplici patologie come l'autismo, la trisomia 21, disturbi della relazione, sindromi genetiche, disturbi motori, iperattività, fobie, disabilità… Il nostro obiettivo è quello di offrire loro dei percorsi che promuovano e facilitino l'autonomia, l'autostima e l'inclusione sociale, valorizzando le differenti abilità e consolidando le capacità motorie ed intellettive. Lo faremo proprio con spirito di servizio verso le famiglie, unendo professionalità, voglia di fare, efficacia, ascolto e creatività”.

Alessio Madonna, vicepresidente Ali e Radici: “Il progetto 'Ti Porto Oltre' vuole cercare di creare nuovi strumenti con l'intento di intervenire in quelle situazioni in cui il disagio sociale è più evidente. 'Ti Porto Oltre' significa anche andare oltre la disabilità, creare condizioni sempre più favorevoli per fare in modo che la disabilità venga superata.
Oggi sappiamo che è la diversità di funzionamento che costituisce la diversità vista come disabilità. Ecco perché creare strumenti sempre nuovi e sempre più idonei a rispondere alle esigenze delle persone può aiutare a vedere la disabilità come un diverso funzionamento e quindi in termini positivi e non più come un 'problema'”.

“Ti Porto Oltre” è la voglia di superare le difficoltà e creare punti d'incontro per una nuova consapevolezza sociale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.