Uganda: una biblioteca gratuita itinerante per i bambini di strada

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:45

Secondo le stime ufficiali dell’Unicef, in Uganda – Stato dell’Africa Orientale senza sbocco sul mare – ci sono circa 10 mila minori che vivono e lavorano per le strade. Per ovviare almeno in parte a questa piaga sociale, un architetto italiano di 30 anni assieme a un cooperante italiano e una giovane ugandese hanno dato il via al progetto Matatart.

Il progetto Matatart

Il nome Matatart è stato preso dal termine ugandese “matatu”, che indica i camioncini che funzionano come taxi. L’organizzazione ha comprato un vecchio matatu in Giappone e lo ha trasformato in un piccolo centro culturale che viaggia attraverso i sobborghi della capitale ugandese.

In particolare, opera nel sobborgo di Kawempe dove, in collaborazione con un’altra organizzazione, i bambini hanno ricostruito e pitturato una casa che servirà come alloggio gratuito ai piccoli abbandonati. I bimbi possono entrare nel furgoncino, prendere i libri, leggere, dipingere, scrivere ed ascoltare musica. L’obiettivo, scrive Fides, è che i minori che vivono per le strade di Kampala si interessino alla cultura spezzando così il circolo vizioso che si crea tra ignoranza e povertà.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.