Tra locali e quartieri a luci rosse la prostituzione diventa invisibile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:03

Con la recente emergenza profughi le organizzazioni criminali hanno trovato nuove opportunità per reperire, condizionare e introdurre in Italia le vittime del mercato della prostituzione. Paesi europei come la Svezia e la Norvegia hanno fatto da tempo la scelta di vietare l’acquisto di prestazioni sessuali a pagamento (nota come “modello nordico”) e hanno ottenuto una forte riduzione del fenomeno. Recentemente anche la Francia ha approvato una legge che introduce sanzioni nei confronti dei clienti. “Dove la prostituzione e la sua fornitura sono legali, sono sempre di più gli elementi che evidenziano le lacune del sistema- afferma don Aldo Buonaiuto, sacerdote antitratta della Comunità Papa Giovanni XXIII e autore del libro d'inchiesta Donne Crocifisse (Rubbettino, con la prefazione di papa Francesco)- Nel 2007 il governo tedesco ha ammesso che la normativa che legalizza la prostituzione non ha ridotto la criminalità e che oltre un terzo dei pubblici ministeri tedeschi ha rilevato come la legalizzazione della prostituzione abbia reso più complesso il loro lavoro finalizzato a perseguire la tratta e lo sfruttamento di esseri umani”. In considerazione del numero sempre maggiore di elementi attestanti che la legalizzazione della prostituzione e dell'attività d'intermediazione per fornirla non promuovono affatto la parità di genere né riducono la tratta degli esseri umani, la relazione del governo tedesco concluse che la differenza essenziale tra i due modelli di parità di genere, di cui sopra risiedeva nel fatto che vedere la prostituzione semplicemente come un “lavoro”, contribuiva a mantenere le donne nel mondo della prostituzione. Ritenere la prostituzione una violazione dei diritti umani delle donne aiuta queste ultime a rimanerne fuori. Nel 2003 il sindaco di Amsterdam (Paesi Bassi) ha affermato che la legalizzazione della prostituzione non era riuscita a prevenire il fenomeno della tratta, aggiungendo che sembrava impossibile creare una zona sicura e controllabile che fosse preclusa agli abusi della criminalità organizzata.

Recluse nei bordelli

Semprenews.it, la testata giornalistica on line della Comunità Papa Giovanni XXIII, racconta la tragica realtà delle “prostitute nascoste”. Irene Ciambezi, referente per l’ambito antitratta, si chiede se l'Ungheria abbia  davvero cambiato rotta per poi concludere al termine di un approfondito reportage che a Budapest la prostituzione ha mutato volto, ma lo sfruttamento continua. “Per le famiglie, le coppie e i gruppi di amici Budapest offre paesaggi suggestivi, negozi di ogni tipo, musica e tradizione ungherese in diverse piazze. Una volta anche Buda, l’altra parte della città, era piena di divertimenti e interessi per i turisti, specie per gli uomini- riferisce Semprenews.it-. Ora la capitale del sesso, che mostra il suo volto in modo più nascosto, va cercata nei night club. Proprio all’ombra di Santo Stefano si trova il P2 in cui l’equipe di ballerine sono rinnovate e ben addestrate per soddisfare i clienti: “Sono bellissime, amano divertirsi, mostrano la loro gentilezza”, si legge sul sito promozionale. Passandogli davanti vedi un piantone che invita ogni maschio a passeggio ad entrare e divertirsi”. Da lì le ragazze non possono uscire fino al mattino. “Una tenta di uscire per andare negli appartamenti alla porta accanto perché sta male ma dopo una breve discussione davanti agli occhi di tutti, rientra a testa bassa all’interno- racconta Ciambezi-. La zona del divertimento facile continua un chilometro più in là al 4Play Lounge. Altro night club super controllato dal piantone e dalle telecamere. A pochi metri girano tutta la notte due lunghissime limousine. Dentro le urla e gli schiamazzi attirano i giovani e i turisti stranieri alla ricerca di una notte di piacere”. Di bordelli veri e propri invece non se ne trovano perché sono illegali. Chi non vuole impegnarsi nei locali, altre giovanissime ungheresi le troverà a disposizione, “esposte” come in vetrina, nell’ottavo Distretto, in periferia. Qui si trovano infatti le 7 “zone di tolleranza” individuate dal governo ungherese, come previsto per ogni città da quando nel 2014 ha ridefinito la regolamentazione della prostituzione. “Le prostitute possono esercitare solo nelle zone circoscritte individuate in ogni città, sottoporsi a regolari controlli della salute e registrarsi come imprenditrici, e iscriversi ad un sindacato tutto per loro, fondato già nel 2000, il Magyarországi Prostituáltak Érdekvédelmi Egyesülete- evidenzia Semprenews-. Dalle strade ai night club, cercando di liberare le vittime dello sfruttamento. Ma nelle “zone di tolleranza”, è possibile incrociare anche operatori delle organizzazioni antitratta che cercano di liberarle dalla schiavitù. Sì anche su strada, non si scappa. Ci sono le minorenni, ci sono le rom, anche se sono fuori dall’occhio degli abitanti, sono pur sempre gestite”.

Situazioni di indigenza

“Spesso sono minorenni che provengono da situazioni di indigenza. Facili prede del traffico di esseri umani. Come Arietta, uccisa da un cliente, che ha avuto una degna sepoltura solo dopo due anni- sottolinea l’ esperta in comunicazione e mediazione interculturale-. Trovi di tutto nei mercatini di Natale di Piazza Vörösmarty o anche nella più suggestiva piazza della Basilica di Santo Stefano. Pochi metri più in là c’è la storica via Vaçi Utca, completamente “ripulita”, dove non incontrerai come in passato le bellissime ungheresi che, stando sulla soglia, cercavano di trascinare i turisti dentro ai locali, ma una ricca serie di vetrine di shop e ristoranti di ogni tipo con tante luci per le Festività”. Andando verso ovest, ecco il famoso Danubio blu e il Ponte delle catene da cui si arriva a Buda dove non può mancare una visita al Castello. Le reti criminali non scherzano né in Ungheria né nei paesi vicini dove trasferiscono di continuo le più giovani, strappate alle loro famiglie, adescate con false promesse di una vita lussuosa con soldi facili, da fidanzati di oltre confine albanesi, romeni, sottilinea Semprenews. Le prelevano dalle contee più isolate del paese: da Borsod -Abaúj -Zemplén, da Szabolcs- Szatmár – Bereg (nell’Ungheria orientale) e da Baranya (nell’Ungheria meridionale). Destinazione: Italia, Germania, Paesi Bassi, Svizzera dove la prostituzione è legale. Una di queste organizzazioni è Solwodi, fondata nel 2017 da religiose di sette diverse congregazioni per promuovere la dignità della donna soprattutto delle vittime di violenza domestica e della tratta di esseri umani. 

L'adescamento negli orfanotrofi

In Europa,  secondo il Report 2019 “Trafficking in persons” del Dipartimento di Stato americano,  le vittime assistite in questo anno sono state 79 mentre il governo ne ha registrate solo 30 nella nuova piattaforma digitale finanziata dall'UE per le vittime della tratta (sistema EKAT). I problemi irrisolti in Ungheria sono tanti e riguardano soprattutto minorenni, rom oppure profughi bloccati nelle “zone di transito” del paese che è ormai uno dei più importanti paesi di transito dell’Est Europa. Sono tra i gruppi più vulnerabili e quindi prede facili di ogni forma di sfruttamento. Per quanto riguarda lo sfruttamento della prostituzione le più vulnerabili in assoluto sono le giovanissime ungheresi che provengono da famiglie indigenti, le rom, le mamme single, e le donne senza tetto. Il Report allerta le istituzioni pubbliche: molte di loro sono disabili, molte altre sono adescate negli orfanotrofi e negli Istituti dello Stato per l’accoglienza dei minori, specie quando ne escono raggiunta la maggiore età. È ormai noto infatti che in molti casi gli stessi protettori con la falsa promessa di garantire loro una casa una volta uscite dagli orfanotrofi, si mettono in contatto con le loro prede quando hanno ancora 14 – 16 anni per legarle a loro con un debito che negli anni successivi dovranno estinguere, prostituendosi. Giovani ungheresi e di etnia rom disabili e orfane sono per la maggior parte trafficate in Austria dove vanno crescendo enormi centri di benessere, vere e proprie spa che offrono merce sempre più giovane e “addestrata” soprattutto per il turismo sessuale d’oltre confine. Per chi cerca una via d’uscita, o dai paesi dell’ovest vuole rientrare per un progetto di protezione, in Ungheria i centri di accoglienza sono ancora scarsi e inadeguati, specie per i minori e gli stranieri. Inoltre nel 2019, le corti hanno sospeso le condanne della maggior parte dei trafficanti: solo 3 degli 11 condannati per reati connessi alla tratta hanno scontato la pena in prigione. Ed è insufficiente pure la pena di soli tre anni, prevista dall’Articolo 203, per chi trae profitto dalla prostituzione minorile e per i clienti che pagano prestazioni sessuali con minorenni.

La tragica vicenda di Arietta

Una di queste giovani proveniva proprio dalla contea di Borsod, dove il fenomeno della prostituzione non è certo una novità. E, nonostante nel suo territorio il Comune promuova da tempo progetti di sostegno per le mamme e i loro figli, è stata preda di trafficanti di origine albanesi che gestivano un gruppo di giovani ungheresi e albanesi lungo la via Emilia in Italia, costrette a prostituirsi di notte in strada e di giorno al chiuso. Nel gennaio 2018, Arietta è stata brutalmente assassinata da un suo cliente che l'ha strangolata e abbandonata sui binari tra Bologna e Modena. Il suo corpo è rimasto in obitorio per 23 mesi, quasi dimenticato da tutti, come accade di frequente nel caso di femminicidi di prostitute straniere. Solo la Comunità Papa Giovanni XXIII che l’aveva conosciuta attraverso l’Unità di strada che opera nella provincia di Modena in sinergia con la Questura, il Comune di Castelfranco Emilia e il Consolato ungherese a Milano, all’inizio del 2019 ha iniziato ad avviare i primi contatti per verificare se c'erano le condizioni per farla rientrare in Ungheria, nonostante la famiglia viva una grave situazione di indigenza. Contattata dal parroco e dal Sindaco della città che erano stati avvisati dalle referenti dell’Associazione Solwodi presente a Budapest, è stata scelta la via del rientro della salma in accordo col Comune di Castelfranco Emilia. Nell’estate del 2019 – finite definitivamente le indagini a carico dei suoi sfruttatori, una banda di albanesi arrestati i primi di giugnoe anche le perizie per il processo che porterà alla condanna definitiva del cliente assassino (24 anni di carcere) – il Comune di Castelfranco emilia e il Presidio “Mancini-Vassallo” di Libera contro le mafie, e la Comunità Papa Giovanni XXIII, hanno inizato una raccolta fondi per il trasporto della salma di Arietta a Monok dove era cresciuta. La sepoltura è avvenuta lo scorso 14 dicembre nel cimitero cittadino, secondo le usanze della famiglia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.