Terremoto in arrivo? Ecco come scoprirlo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:46

L'aspetto più inquietante del terremoto, anche quando è di non elevata magnitudo, è l'imprevedibilità. Ora da Los Angeles, negli Stati Uniti, potrebbe arrivare la soluzione: conoscere in anticipo l'arrivo di un sisma e prendere le dovute precauzioni. Si chiama ShakeAlertLa, è una app ed è stata presentata nei giorni scorsi: è “un progetto pilota – si legge nel comunicato del sindaco Eric Gargetti – che utilizza la rete di sensori di allerta rapida di terremoto sviluppata dallo United States Geological Survey (Usgs)”, l'agenzia scientifica del Governo degli Stati che monitora i sismi.

Se è vero che non è possibile prevedere l'arrivo di una scossa di terremoto, è anche vero che esiste un tempo tra la rottura della crosta terrestre e l'arrivo delle onde nelle aree abitate. La app presentata Oltreoceano sfrutta proprio questo intervallo di tempo: quando avviene la frattura e lo spostamento nel sottosuolo della crosta terrestre – la causa del terremoto – una serie di onde si propagano attraverso il globo. Ne esistono di diversi tipi: quelle chiamate P sono le più veloci, ma a provocare i danni maggiori sono altre, quelle S e quelle di superficie. Il sistema di allarme – riferisce l'Agi – si basa sulle onde P e sfrutta lo scarto temporale tra le P e le S: i sensori raccolgono le informazioni provenienti dalle prime elaborando la probabile intensità della scossa e calcolando così quanto tempo rimane prima che gli effetti della scossa si riversino su abitazioni e persone. Il tempo a disposizione per mettersi in salvo è molto breve: l’allarme anticiperà la scossa soltanto di pochi secondi. Ma potrebbero essere sufficienti per consentire alle persone di mettersi in salvo e ridurre gli effetti della scossa: mettendosi al riparo sotto i tavoli di una abitazione, evitando di prendere scale o ascensori oppure, se si è in strada, allontanandosi da palazzi che potrebbero subire crolli. A Los Angeles, città dalla lunga tradizione di terremoti dovuta alla faglia di Sant’Andrea che attraversa la California, le notifiche suoneranno soltanto nel caso di sismi di magnitudo superiori al 5.0.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.