Tajani: “Rafforza la democrazia nel mondo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:46

Si parlerà del “Futuro delle missioni d’osservazione elettorale” alla conferenza che si terrà il 10 e l'11 ottobre a Bruxelles (in Belgio), presso la sede del Parlamento europeo. I membri dell’Europarlamento insieme al Servizio di azione esterna (Eeas), alla Commissione europea e agli Stati membri hanno svolto oltre 140 missioni in occasione di tornate elettorali in oltre 60 Paesi del mondo.

“Dalla fine della Guerra Fredda, l’osservazione elettorale è diventata parte integrante della politica estera europea, come uno degli strumenti più efficaci e trasparenti per promuovere i valori fondamentali e rafforzare la democrazia nel mondo”, ha dichiarato il presidente del Parlamento, Antonio Tajani. “Ora è giunto il momento di fare il punto per verificare l’andamento delle missioni, condividere le best practices, analizzare le potenzialità di queste missioni e le sfide che digitale, disinformazione e social media pongono”, ha puntualizzato il presidente.

Il programma

Tajani aprirà i lavori domani mattina seguito dagli interventi del commissario per la società e l’economia digitali Mariya Gabriel, del sottosegretario generale Onu e rappresentante speciale per l’Unione africana, Sahle-Work Zewde e del commissario per gli affari politici dell’Unione africana, Cessouma Minata Samate.

I temi cardine – si legge nel programma ufficiale – saranno: “elezioni e prevenzione dei conflitti”, e “sicurezza e transizione pacifica e di cooperazione Ue-Unione africana-Onu nei processi elettorali”. Concluderanno i lavori gli intervent di Mairead McGuinness, primo vicepresidente del Parlamento europeo, Roger Nkodo Dang, presidente del Parlamento panafricano e Federica Mogherini, Alto rappresentante per la politica estera dell’Ue.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.