Solo lo 0,5% dei finanziamenti umanitari va ai minori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:12

Solo lo 0,5% del totale dei finanziamenti umanitari è destinato alle attività di protezione dei minori. Questo, nonostante il numero di minori che vive in zone colpite da conflitti sia quasi raddoppiato dal 1990 ad oggi. Lo denuncia il nuovo studio di Save the Children,Unprotected: Crisis in Humanitarian Funding for Child Protection”  realizzato per conto della Alliance for Child Protection in Humanitarian Action e la Child Protection Area of Responsibility.

Il Rapporto

Il rapporto analizza il totale dei finanziamenti umanitari globali assegnati tra il 2010 e il 2018 per la protezione dei bambini, con un focus su 13 paesi colpiti da conflitti, tra cui Siria, Yemen, Iraq e Afghanistan. Lo sorso 4 luglio, sempre Save the Children aveva lanciato l'allarme sull'impressionante numero di bambini morti nel conflitto yemenita: “500 bambini vittime di guerra, almeno 8 bambini coinvolti al giorno. A Idlib, città siriana martoriata da mesi da combattimenti tra le varie forze in campo – sottolinea Save the Children – ha costretto alla fuga 80.000 bimbi con le loro famiglie. 

Sebbene il finanziamento umanitario complessivo sia aumentato nell’ultimo decennio, il bisogno di interventi di protezione dei più vulnerabili è aumentato ancora di più. In Afghanistan e Repubblica Centrafricana, per esempio, nel 2018 è stato rispettivamente stanziato solo il 18% e il 25% dei fondi indispensabili per la protezione dei minori. “I leader mondiali riuniti in questi giorni a New York per il forum politico ad alto livello sullo sviluppo sostenibile si confronteranno sugli interventi chiave che possono aiutare a raggiungere chi è più stato lasciato indietro, in particolare a causa di violenze, ingiustizie o esclusione. Questo rapporto è un tempestivo campanello d’allarme affinché i leader intraprendano azioni immediate per prevenire le violazioni dei diritti dei bambini e rispondano all’urgente necessità di protezione e altri bisogni come sostegno alla salute mentale e il supporto psicosociale, il ricongiungimento familiare, il recupero e il reinserimento” ha dichiarato Gunvor Knag Fylkesnes, direttore Advocacy per Save the Children Norvegia su Sir.

Stop agli attacchi a scuole e ospedali

“In concreto – agguinge Hani Mansourian dell’Alliance for Child Protection in Humanitarian Action – questo significa intervenire in molti modi come ad esempio prevenire il reclutamento e l’uso di bambini da parte di forze e gruppi armati, e il sostegno al reinserimento dei bambini nelle loro famiglie e comunità. Inoltre, chiediamo la fine degli attacchi contro scuole e ospedali, fornendo servizi di sostegno psicologico e psicosociale di qualità, evitando la separazione familiare e favorendo il ricongiungimento dei bambini che sono stati separati dalle loro famiglie. Gli interventi includono anche la creazione di spazi sicuri per i bambini durante le emergenze e la gestione dei casi di minori più vulnerabili”. Lo scorso giugno erano state demolite dal governo libanese tutte le strutture del campo profughi di Aarsal non costruite completamente in legno o plastica, con gravi disagi per centinaia di famiglie – molti dei 40.000 i rifugiati siriani che vivono attualmente nel campo profughi per l'assenza di un'alternativa, denunciava Save the Children – rimaste all'agghiaccio. 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.