Smartphone-dipendenza: Apple studia un'app

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:00
studenti

Siamo dipendenti dallo smartphone? Niente paura, sarà l'iPhone stesso a dircelo. La Apple vuole infatti istallare contatori di ore e minuti sui suoi dispositivi (anche iPad) per farci capire se trascorriamo troppo tempo connessi.

La conferenza 

Della novità si discuterà durante la Worldwide Developers Conference, la conferenza annuale degli sviluppatori della Mela che prenderà il via lunedì 4 giugno con il Ceo Tim Cook sul palco. Stando a quanto riferito da Bloomberg, gli ingegneri di Apple hanno lavorato a un'iniziativa chiamata “Digital Health” (salute digitale), da cui sono nati alcuni strumenti per monitorare sia il tempo complessivo trascorso con lo smartphone in mano, sia quello passato sulle singole app.

Uso responsabile

Apple non è l'unico colosso hi-tech a voler promuovere un uso responsabile – almeno quantitativamente – della tecnologia. Google nelle scorse settimane ha annunciato che la prossima versione del suo sistema operativo per smartphone e tablet, Android “P”, avrà uno strumento di gestione del tempo trascorso sulle app. Gli utenti potranno impostare il limite d'uso di una applicazione, e saranno avvisati quando lo superano. Instagram, dal canto suo, ha fatto sapere che introdurrà un proprio “cronometro”.

Novità

I contatori di Apple debutteranno con l'arrivo di iOS 12, l'aggiornamento del sistema operativo di iPhone e iPad, che dovrebbe portare anche una novità più tangibile. Stando alle indiscrezioni, il melafonino potrebbe essere usato per sbloccare l'uscio di casa e la porta della stanza d'albergo, per aprire la portiera dell'auto e per pagare il biglietto su bus e treni. A renderlo possibile la tecnologia Nfc presente su iPhone, che Apple vorrebbe mettere a disposizione degli sviluppatori per ampliarne gli utilizzi. Alla conferenza saranno svelati anche gli aggiornamenti dei sistemi operativi dell'Apple Watch e dei computer Mac, su cui dovrebbe esserci una maggiore integrazione con l'assistente vocale Siri.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.