Quattro sorrisi donati a piccoli pazienti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:09

Si è concluso ieri il 18esimo week end clinic, l’ultimo del 2018, a bordo della portaerei Cavour ormeggiata nel porto di Taranto. Nell’ambito del progetto “Un Mare di Sorrisi”, iniziativa congiunta della Marina Militare e della Fondazione Operation Smile Italia Onlus, sono stati donati quattro sorrisi ai piccoli pazienti affetti da labioschisi, palatoschisi ed esiti di labiopalatoschisi.

I volontari della Fondazione Operation Smile Italia Onlus, con il supporto del personale del servizio sanitario della Marina Militare, hanno eseguito interventi chirurgici su quattro pazienti di età compresa tra 3 e 26 anni, provenienti dalla Sicilia, dalla Campania e dal Lazio, nonché dal Madagascar. L’ospitalità della paziente proveniente dal Madagascar accompagnata dalla mamma è stata offerta dalla Cooperativa L’Accoglienza di Roma. Le analisi cliniche preoperatorie sono state eseguite presso la clinica romana Nuova Villa Claudia, generosa sostenitrice della Fondazione, a titolo gratuito. Come di consueto a bordo della portaerei della Marina Militare era presente anche una rappresentanza del corpo infermieristico della Croce Rossa che collabora attivamente con i volontari della Fondazione.

La Marina Militare è impegnata da sempre in numerose attività duali e complementari con l'impiego di capacità prettamente militari che possono essere proficuamente utilizzate anche per il supporto a favore della collettività anche attraverso collaborazioni in campo sanitario e nel settore sociale, ambientale e di diffusione della cultura del mare, con Enti ed Organizzazioni Non Profit. Dal 2013 sono stati organizzati, in Italia, ben 17 weekend clinic nel corso dei quali sono stati visitati 173 pazienti e ne sono stati operati 86.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.