Qual è il livello d'istruzione degli italiani?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:00

In dieci anni è aumentato notevolmente il numero di italiani con almeno un diploma secondario superiore. Resta però basso, rispetto alla media europea, quello dei laureati. Sono i dati emersi dallo studio dell'Istat “Livelli di istruzione della popolazione e ritorni occupazionali: i principali indicatori” per l’anno 2017. Nel 2017, in Italia si stima che il 60,9% della popolazione di 25-64 anni abbia almeno un titolo di studio secondario superiore; valore distante da quello medio europeo (77,5%). Sulla differenza pesa in particolare la bassa quota di titoli terziari: 18,7% in Italia e 31,4% nella media Ue. “Dal 2008 al 2017 – spiega l’Istituto nazionale di statistica – la quota di popolazione con almeno il diploma secondario superiore è in deciso aumento. Più contenuta, rispetto alla media europea, è invece la crescita della quota di popolazione con un titolo terziario”, in sostanza la laurea. Stando ai dati diffusi, il livello di istruzione delle donne risulta più elevato di quello maschile: il 63% ha almeno un titolo secondario superiore (contro 58,8% degli uomini) e il 21,5% ha conseguito un titolo di studio terziario (contro 15,8% degli uomini). Inoltre, i livelli di istruzione femminili stanno aumentando più velocemente di quelli maschili. Nel 2017, la quota di 30-34enni in possesso di titolo di studio terziario è pari al 26,9% (39,9% la media Ue). Nonostante un aumento dal 2008 al 2017 di 7,7 punti, l’Italia è la penultima tra i paesi dell’Unione e non è riuscita a ridurre il divario con l’Europa.

Diminuiscono i “neet colti”

Sono diminuiti anche i giovani che non studiano e non lavorano (neet). Calo più robusto tra coloro che hanno un medio e alto titolo di studio (dal 28,3% al 25,5% e dal 26,4% al 21,4%, rispettivamente); minimo invece il decremento dei ‘neet’ tra i giovani con al più la scuola secondaria inferiore (dal 23,9% al 23,4%). “Tra chi ha abbondonato precocemente gli studi – si legge in una nota -, nel 2017 meno di un giovane su tre lavora (31,5%), quota stabile negli ultimi tre anni dopo il drastico calo conseguente alla crisi (nel 2008 lavorava un giovane su due)”. “Tra i giovani che hanno concluso il percorso di istruzione e formazione da non più di tre anni – prosegue l’Istat -, il tasso di occupazione nel 2017 è stimato al 48,4% per i diplomati (74,1% la media europea) e al 62,7% per chi ha un titolo di studio terziario (84,9% la media Ue)”. L'Istat sottolinea inoltre che l’abbandono scolastico precoce, in Italia, è molto più rilevante tra gli stranieri rispetto agli italiani (33,1% contro 12,1%).

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.