Protesta anti-Trump, arrestata Susan Sarandon

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:55

La questione della separazione delle famiglie di migranti al confine messicano continua a infiammare la politica statunitense. Ieri la first lady Melania Trump si è recata in zona di frontiera e, nei giorni scorsi, aveva reso noto di non approvare appieno l'atteggiamento del marito presidente sul tema immigrazione. Ma nel pomeriggio di ieri a Washington un'imponente mobilitazione ha portato all'ombra di Capitol Hill le istanze di oltre 500 donne, riunite in una marcia di protesta contro la politica di “tolleranza zero” dell'amministrazione Trump e, nello specifico, contro la separazione di oltre 2 mila bambini dalle rispettive famiglie. Un corteo di grossa portata e partecipato in modo animato tanto che le Forze dell'ordine hanno messo in stato di fermo alcune dellle manifestanti, fra le quali anche l'attrice Premio Oscar Susan Sarandon.

 

#show_tweet#

 

L'arresto

L'attrice newyorkese, nota al grande pubblico per la sua partecipazione a pellicole di enorme successo come Thelma e Louise, Nella Valle di Elah, Atlantic City e Dead Man Walking, che le è valso l'Oscar alla migliore attrice nel 1996, ha fatto sapere di essere stata arrestata durante la marcia e lo ha fatto attraverso un tweet: “Sono stata arrestata. Resto forte. Continuo a lottare”, ha scritto Sarandon dopo il rilascio. Successivamente, postando una fotografia della manifestazione, l'ha descritta come “un'azione potente, bella con centinaia di donne che chiedono la riunificazione delle famiglie separate dalla politica immorale dell'agenzia per l'immigrazione. La democrazia assomiglia a questo”.

Battaglie civili

Non è la prima volta che l'attrice prende parte a manifestazioni di questo tipo e nemmeno il suo fermo è un inedito: nel 1999, infatti, venne fermata durante una marcia di protesta contro la polizia per l'omicidio di un giovane afroamericano. Del resto, Sarandon ha sempre partecipato attivamente alla vita politica tanto che, in più di un'occasione, si era parlato di una sua possibile candidatura alla Casa Bianca anche se sulle sue ambizioni presidenziali sono circolate solamente delle voci. La marcia di ieri era stata organizzata da gruppi di attiviste contro le politiche.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.