Nel Mediterraneo morta 1 persona ogni 6 arrivata in Italia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:53

Mar Mediterraneo ecatombe di migranti. “Tra gennaio e giugno del 2019, lungo la rotta del Mediterraneo centrale ha perso la vita una persona ogni 6 arrivate in salvo in Italia, rispetto ad una ogni 18 nello stesso periodo dello scorso anno”. Lo afferma l’Unhcr Italia, l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, che ha diffuso i dati aggiornati su morti e dispersi in mare nel tentativo di raggiungere le coste europee partendo dall’Africa (Libia in primis) e dal Medio Oriente.

Le cifre

Tra gennaio e giugno 2019 sono state 667 le persone morte o disperse nel Mediterraneo (erano state 1.289 nello stesso periodo del 2018): di queste 423 (63%) lungo la rotta del Mediterraneo centrale a fronte di 2.779 migranti sbarcati in Italia, 193 (29%) lungo quella del Mediterraneo occidentale rispetto alle 10.475 giunte in Spagna, 51 (8%) nel Mediterraneo orientale a fronte delle 12.863 arrivate in Grecia. Le stime dicono che nei primi 6 mesi dell’anno sono 128 le persone morte (384 nello stesso periodo del 2018) e 539 quelle disperse (905). A fronte di numeri assoluti in calo, i dati diventano impietosi se si considera il rapporto tra chi non ce l’ha fatta a raggiungere le coste europee dall’Africa e chi le ha raggiunte. Nel 2019 ogni 1.000 arrivi di migranti in Grecia, sono stati 4 quelli morti o dispersi (erano 3,5 nel 2018); 152,2 i morti o dispersi nel 2019 (erano 56,6 nel 2018) ogni 1.000 persone arrivate sulle coste italiane; e 18,4 i morti o dispersi nel 2019 (erano 20 nel 2018) ogni 1.000 migranti giunti in Spagna via mare.

In Terris, a nome del suo Direttore, don Aldo Buonaiuto, ha avviato una petizione su change.org per Istituire la Giornata del Migrante Ignoto dedicata ai morti invisibili. 

FIRMA LA PETIZIONE SU CHANGE.ORG

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.