Morti bianche nel 2018: il rapporto dell'Inail

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:16

Dati inquietanti emergono dal rapporto Inail sulle morti bianche. Nel 2018, sono 704 gli infortuni mortali accertati sul lavoro, di cui 421 – ossia circa il 60% – “fuori dall'azienda” a fronte di 1.218 denunce complessive. Il rapporto sottolinea come sugli infortuni accertati si è verificato un aumento del 4% rispetto al 2017. Le denunce di infortunio mortale nei primi quattro mesi del 2019 sono state 303 con un aumento del 5,9% sullo stesso periodo del 2018. Il presidente dell'Istituto, Massimo De Felice, ha dichiatato che sulle denunce ci sono state, in questi quattro mesi, forti oscillazioni

Infortuni sul lavoro

L'inail, inoltre,nel rapporto ha sottolineato che nell'anno sono arrivate 645 mila denunce di infortunio – con un calo dell 0,3% rispetto all'anno precedente – ma gli incidenti riconosciuti per causa di lavoro sono stati poco più di 409 mila, di cui circa il 19% fuori dalle aziende, come ad esempio infortuni avuti con un mezzo di trasporto. “Abbiamo un eccellente quadro normativo – ha ribadito De Felice – andrebbe rispettato con migliore devozione“. Le denunce di malattia professionale sono state circa 59.500 (+ 2,6% sul 2017). La causa professionale è stata riconosciuta al 37% del totale (il 3% è ancora in istruttoria).

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.