Messico, in un anno 3500 omicidi: è emergenza sociale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:00

Isabel Cabanillas, attivista messicana per i diritti delle donne, era scomparsa la sera del 17 gennaio a Ciudad Juarez, nello Stato del Chihuahua. L’hanno ritrovata la mattina seguente in strada, assassinata a colpi di arma da fuoco nel petto. Vorremmo poter scrivere che si tratta dell'ultima vittima in Messico in ordine di tempo, ma purtroppo le statistiche lo smentiscono. Isabel, 26 anni che era anche una designer di abbigliamento, è la quarta donna uccisa a Ciudad Juarez questo mese e la sesta nello Stato messicano. Secondo gli ultimi dati delle Nazioni Unite, si ritiene che ogni giorno in Messico in media vengano uccise nove donne.

Chihuahua

Dal 1993 ad oggi, solo nello Stato di Chihuahua – area di confine tra Messico e Stati Uniti – sono state uccise più di 1.500 ragazze: 258 i casi di femminicidio nel 2017, 49 tra gennaio e marzo 2019, ma le cifre ufficiali sono molto distanti dalla conta delle associazioni locali delle madri che vedono sparire nell’impunità totale le proprie figlie poco più che bambine. La percentuale più alta di omicidi si registra infatti tra i 15 e i 19 anni; si tratta spesso di giovanissime operaie delle maquiladoras – scrive lifegate.it – le fabbriche di assemblaggio delle multinazionali che occupano il confine regolato dai narcos del cartello di Juarez, uno dei più potenti del Paese. Il Codice Penale messicano fa specifico riferimento ai femminicidi, definendo il crimine come quello “che priva una donna della sua vita per ragioni di genere“, tra le prove figurano i segni di violenza sessuale, lesioni “degradanti” e precedenti di violenza a casa, al lavoro o a scuola.

Nuovo record di omicidi

Ma le morti violente non riguardano solo le donne o solo lo Stato di Chihuahua, ma tutti i cittadini messicani. Nel 2019 le morti violente hanno toccato il nuovo record storico, divenendo l'anno più violento nella storia recente del Messico. Secondo quanto riferisce la Segreteria esecutiva del sistema nazionale della Sicurezza pubblica, da gennaio a dicembre dello scorso anno si sono contate 35.588 morti violente, il 2,7 per cento dell'ultimo anno record: nel 2018 il numero di omicidi è stato infatti pari a 34.655. Aumenta anche il numero di femminicidi, passati a 1.006 contro i 912 del 2018. Vale a dire quasi tre femminicidi al giorno. Per questo l'omicidio di Isabel Cabanillas, avvenuto lo scorso 17 gennaio, non è di certo stato l'unico; è solo stato l'ultimo di sui il mondo ha avuto notizia.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviaint[email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.