La cicogna a Storie Italiane: Eleonora Daniele è in dolce attesa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:00

Una puntata che è stata allietata dalla notizia che Eleonora Daniele, conduttrice di Storie Italiane, ha voluto condividere con i suoi ospiti e con i telespettatori: la giornalista ha annunciato di essere in dolce attesa, diventerà mamma di una bambina che si chiamerà Carlotta. 

I temi della puntata. Samira El Attar

Nel corso della puntata è stata di nuovo approfondita e discussa la storia di Samira El Attar che, in provincia di Padova, risulta essere scomparsa da 79 giorni. Una vicenda ricoperta da molteplici ombre che gli inquirenti stanno cercando di dissipare. Samira è stata vista per l’ultima volta il 21 ottobre, si è allontanata da casa con la bicicletta bianca che utilizzava per andare al lavoro e per fare le sue commissioni; il giorno dopo il marito ha denunciato la scomparsa della donna. Secondo le ipotesi della Procura la donna sarebbe morta quello stesso giorno e il suo cadavere sarebbe stato occultato nei campi o negli specchi d'acqua intorno all'abitazione dove viveva con la famiglia, il marito e la figlia Stanghella. Un caso che negli ultimi giorni si è evoluto con la scomparsa del marito: si è allontanato dalla sua casa, in bicicletta e non vi ha fatto più ritorno. Per lui vige il divieto di espatrio, ma si presume che sia a Casablanca. Nel frattempo, in Italia è arrivata Malika, la mamma di Samira che, in esclusiva a Storie Italiane, ha spiegato che l'uomo avrebbe raccontato diverse bugie, come quella di non essere un uomo geloso, di essere in buoni rapporti con la suocera, di non aver mai seguito Samira quando andava al lavoro. Affermazioni smentite poi da Malika, che ha tracciato il profilo di un uomo ben diverso. “Da queste affermazioni appaiono aspetti che descrivono una persona che ha un modo morboso di relazionarsi – afferma don Aldo Buonaiuto, direttore del quotidiano online In Terris e sacerdote della Comunità Papa Giovanni XXIII, intervenuto come ospite nella trasmissione di Eleonora Daniele -. Sono passati tanti giorni dalla scomparsa di Samira e questo, purtroppo, ci fa pensare che sia deceduta. Ma com'è possibile che quest'uomo sia riuscito a sparire nel nulla?”.

Jessica trovata morta nella vasca di scolo di una centrale

A Storie Italiane è poi intervenuto in collegamento esterno il signor Giovanni, padre di Jessica Mantovani, la ragazza trovata morta lo scorso 13 giugno tra le grate della centrale idroelettrica di Prevalle. Nel corso della trasmissione l'uomo, provato dal dolore e dal rimorso, è scoppiato a piangere, raccontando che quella sera la figlia l'aveva chiamato per chiedergli di andare a prenderla. Lui le aveva chiesto di aspettarlo un'oretta ma da quel momento si sono perse le tracce della giovane. “Giovanni non hai nulla da farti perdonare – Don Buonaiuto ha cercato di rincuorare l’uomo – Continua a lottare e non ti scoraggiare. Hai l'affetto di tutti coloro che stanno seguendo questa trasmissione”. 

La scomparsa di Luigi Favoloso

La sua famiglia non ha più sue notizie. Luigi Favoloso, ex fidanzato di Nina Moric, non ha più contatti con amici e familiari dal 29 novembre. Loredana, la mamma, intervenuta telefonicamente a Storie Italiane, ha lanciato un appello affinché il figlio la contatti e nel contempo ha raccontato che Luigi stava attraversando un brutto momento, era molto angosciato. La sua scomparsa sta facendo preoccupare amici e parenti: non si sa, al momento, se si tratti di un allontanamento volontario. Le forze dell'ordine sono al lavoro per ricostruire la vicenda. Don Buonaiuto è intervenuto anche su questo caso: “Luigi, se ci stai ascoltando, sai quanto la tua mamma sia preoccupata” e ha concluso incoraggiando l’uomo a dare un segnale, invitandolo a riflettere sul fatto che ogni problema e ogni prova, anche quella che sembra essere insormontabile, può essere superata soprattutto con l’aiuto e l’affetto dei familiari. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.