In Italia 520 furti in casa al giorno, 1 ogni 3 minuti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:20

Sono oltre 520 al giorno i furti nelle abitazioni denunciati dai danneggiati in Italia: una casa svaligiata ogni tre minuti secondo i dati Istat aggiornati al 2017. Purtroppo, solo tre denunce su cento vanno a buon fine con la scoperta del ladro, ma difficilmente anche della refurtiva. Le ore peggiori sono tra le nove e le dodici e tra le diciotto e le ventuno, secondo una indagine dell'organismo europeo Transcrime. E' questa la triste fotografia scattata dalla Cna sulla sicurezza nelle abitazioni nel Bel Paese.

Furti in calo

I furti sono comunque in calo rispetto agli anni scorsi. Merito – dice la Cna – alle misure di prevenzione e di controllo messe in campo dalle Forze dell'ordine ma anche grazie ai cittadini, che hanno investito cospicue risorse economiche per ridurre i rischi di intrusioni indesiderate. Dal Censis si apprende, infatti, che nel nostro Paese due famiglie su tre (66,5 per cento) hanno installato la porta blindata, quasi una su due (42 per cento) un sistema d'allarme, una su tre (33,5 per cento) inferriate a porte e/o finestre, tre su dieci (il 31 per cento) infissi, vetri anti-intrusione, telecamere. Questi numeri, secondo l'indagine condotta da Cna Installazione e Impianti, sarebbero destinati a lievitare ulteriormente, nonostante il rallentamento delle spese per la videosorveglianza dovuto alla recente applicazione della normativa europea sulla privacy. Se tante famiglie si sono già cautelate, la platea dei possibili clienti rimane ampia: sono oltre dieci milioni le case dotate di utenza domestica, dalla fornitura idrica all'elettricità, ma non di porta blindata.

Fatturato

Il fatturato delle imprese della sicurezza nel nostro Paese ha superato i cinque miliardi con circa 10mila imprese. Milano è senz'altro la “capitale” italiana del comparto con 700 milioni di giro d'affari. Il primato tra le regioni va alla Lombardia, con Lazio, Piemonte e Campania nelle prime posizioni. Sulla sicurezza in genere il cliente non punta primariamente al risparmio, ma quando decide di affrontare la spesa, scopre che spesso è inferiore alle sue previsioni. Mettere in sicurezza un'abitazione costa complessivamente tra 4/5mila e 16/18mila euro a seconda delle dimensioni nonché di quantità e qualità delle apparecchiature. Ma come fare per evitare brutte sorprese al ritorno delle vacanze o, in genere, al rientro a casa? Prima di tutto, consiglia la Cna, si deve evitare di raccontare le proprie escursioni fuori casa attraverso i social o altri mezzi. E' necessario, inoltre, suggerisce Cna Installazione e Impianti, installare apparecchi anti-furto i più aggiornati possibile. E, soprattutto, rivolgersi a installatori abilitati: per le telecamere di sorveglianza, esiste infatti il rischio di pesanti sanzioni se la collocazione non è corretta e può mettere a rischio la privacy di terzi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.