In Italia 1 minore su 10 vive in case fatiscenti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:13

In Italia, più di un bambino su 10 (11,2 per cento) sta affrontando l'inverno in condizioni di severo disagio abitativo e il 14,8 per cento delle famiglie con bambini non riesce a riscaldare adeguatamente l'abitazione in cui vive. 

In aumento i bimbi in severo disagio abitativo

Dal 2008 al 2016 il numero di bambini in condizione di severo disagio abitativo è cresciuto del 15,5%. Il 20,3% dei minori – più di uno su cinque – vive in case con problemi strutturali quali umidità, tracce di muffa alle pareti, soffitti gocciolanti, infissi rotti (media Ue del 17,7%) e il 5,3% in strutture poco luminose. Particolarmente preoccupante il dato relativo alle famiglie con bambini impossibilitate a riscaldare l'abitazione in modo sufficiente, che supera la media dell'Unione europea di oltre 6 punti percentuali e che, dal 2008, ha registrato un incremento del 28,7%.

In Italia la povertà minorile è un'emergenza

“In un paese dove la povertà minorile rappresenta una vera emergenza, tantissimi bambini vivono in alloggi fatiscenti, senza la possibilità di crescere in salute e sicurezza. I dati sul disagio abitativo, già così preoccupanti, sono sottostimati: tengono conto delle sole famiglie con residenza, escludendo quei nuclei con minori in emergenza abitativa che vivono, per esempio, in rifugi di fortuna – ha dichiarato Raffaela Milano, Direttrice dei programmi Italia Europa di Savethe Children -. Sempre più spesso, al Nord come al Sud, nei quartieri più svantaggiati, ci troviamo a fronteggiare, con le associazioni e i servizi sociali territoriali, casi di emergenza abitativa che colpiscono i bambini, con conseguenze molto gravi per la loro salute, il percorso scolastico, la vita familiare. E' indispensabile rafforzare gli strumenti di protezione per scongiurare il ripetersi di queste situazioni”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.