Il cortometraggio su una vita che nasce

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:00

Un breve cortometraggio su un neonato per promuovere la partecipazione alle prossime elezioni europee. E' l'idea attuata dal Parlamento Europeo (detto anche Europarlamento) a un mese dal voto del 23-26 maggio. “Scegli il tuo futuro” è opera dell’artista Frédéric Planchon e documenta “i momenti intensi, belli e fragili che vivono i bambini appena nati quando fanno il loro ingresso nel mondo”. Il film è narrato da una giovane ragazza che fa appello al senso di responsabilità degli elettori. “Ognuno di noi può lasciare un segno, ma insieme possiamo fare la differenza. Scegli l’Europa – vi si afferma – in cui vuoi che io cresca”. Il breve firmato è distribuito online in tutti gli Stati membri su Epyoutube.eu/chooseyourfuture; versioni adattate alla tv, al cinema e alla radio saranno distribuite prossimamente.

L'Europarlamento oggi

L'Europarlamento è l'unica istituzione di tipo parlamentare dell'Unione europea ad essere eletta direttamente dai cittadini dell'Unione. Esso sercita la funzione legislativa assieme al Consiglio dell'Unione e, in alcuni casi stabiliti dai trattati, ha il potere di iniziativa legislativa che generalmente spetta alla Commissione europea. Gli eurodeputati sono organizzati in diversi gruppi parlamentari, compreso quello dei non iscritti dedicato a chi non si riconosce in nessuno dei gruppo costituiti. Perché un gruppo parlamentare possa essere riconosciuto occorrono almeno 25 deputati eletti in almeno un quarto degli stati, che possono afferire a diversi partiti politici. Essi lavorano suddivisi in 20 commissioni. I due gruppi più grandi sono il Partito Popolare Europeo (Ppe) e l'Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici (S&D). Nelle scorse elezioni, avvenute nel 2014, il Ppe ha preso 217 seggi, mentre i socialisti 217; al terzo posto, i Conservatori e Riformisti Europei (Ecr) con soli 74 seggi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.