Frutta e verdura a chi ne ha bisogno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:54

Con l’avvicinarsi di Ferragosto l’estate entra nella fase più calda e difficile per chi non può permettersi le vacanze. Un periodo in cui la solitudine e in molti casi la povertà si fanno sentire in maniera pungente. Per cercare di alleviare le sofferenze di tante persone si moltiplicano le iniziative di associazioni e volontari. Tra queste si segnala quella in programma martedì 7 agosto alle 10,30 presso il Centro Agroalimentare di Roma.

L'idea chiamata “La solidarietà non va in vacanza”, permetterà di donare frutta fresca e verdura alle mense sociali che assistono nella Capitale anziani soli, senza fissa dimora e famiglie in difficoltà. Grazie alla collaborazione tra il CAR e le Acli di Roma e provincia, oltre 300 Kg di frutta fresca e verdure verranno consegnate ai circuiti di assistenza e sostegno sociale della Capitale

La proposta è stata fortemente voluta dal direttore generale del Centro Agroalimentare di Roma, Fabio Massimo Pallottini, e dal presidente delle Acli di Roma e provincia, Lidia Borzì. Da oltre un anno le due realtà collaborano per la lotta allo spreco del cibo e per il riutilizzo dello stesso a fini sociali. I volontari delle Acli preleveranno la materia prima messa a disposizione dal CAR per poi consegnarla con un furgone refrigerato alla mensa all'Opera Nazionale per le città dei ragazzi. 

Un progetto solidale che si affianca ad altri già avviati dalle Acli, come “Il pane a chi serve 2.0”, che recupera il pane invenduto del giorno prima, ancora buono ma non commerciabile, in 45 panifici della Capitale per distribuirlo ad associazioni e organizzazioni che assistono i bisognosi di Roma.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.