Evento di beneficienza per i piccoli del Fatebenefratelli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

Arte, gusto e beneficenza si incontrano il prossimo 10 maggio allo Stadio di Domiziano, nello scenario romano di p.zza Navona, a partire dalle 19.30. Il Gala Fatebenefratelli 2018, ideato da Memo’s Boutique Events e reso possibile grazie alla collaborazione della famiglia Tamburella, vedrà la partecipazione della chef stellata Cristina Bowerman e di Melissa Proietti Silvia Colasanto, curatrici di una mostra di opere d'arte. Cuore dell'evento è il progetto Birth, che prevede la messa all'asta benefica di dieci opere d'arte, a simbolizzare la Vita, la Creazione, il Genoma Umano, la Nascita.

La partecipazione alla serata e l'acquisto delle opere sono un'occasione per sostenere la Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale Fatebenefratelli – Isola Tiberina di Roma, considerata un'eccellenza nel panorama italiano, da poco ristrutturata e potenziata con interventi ed installazioni ad alta-tecnologia e a misura di famiglia, zone comuni di relax con divani, televisori, sale dove le mamme possono tirarsi il latte, nonché apparecchiature all’avanguardia e telecamere wireless sulle culle per restare sempre in contatto col proprio bambino anche a distanza. Il nosocomio ha bisogno di sostegno economico per l’acquisto di due nuovi ecografi neonatali che consentirebbero di monitorare – e di curare – alcune malattie fino ad oggi diagnosticate solamente sottoponendo i piccoli a dosi molto elevate di raggi X. 

L'esposizione delle opere avverrà il 10 maggio allo Stadio di Domiziano, mentre l'asta per l'acquisto sarà on-line, sul sito Charity Stars, a partire dal 24 Aprile fino al 14 maggio 2018. Il contributo per partecipare al Gala è di 75€ a persona. Sono a disposizione anche pacchetti per aziende che vogliano partecipare ed avere visibilità, per informazioni: fundraising@fbf-isola.it.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.