Emergenza caldo: oltre 50mila senzatetto a rischio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:18

Oltre 50mila senzatetto sui marciapiedi, nelle stazioni e sotto i portici delle città italiane stanno affrontando all’aperto sotto il sole o con ripari precari l’ondata di caldo africano che sta investendo l’Italia e i principali centri urbani, dove si trova la maggior parte di chi vive per strada”.

Afa e caldo

È l’allarme lanciato da Uecoop, l’Unione europea delle cooperative, in relazione al picco delle temperature previsto in questi giorni, in particolare oggi e domani. “L’assedio dell’afa sta creando una situazione ad alto rischio per chi non ha una casa o un rifugio – spiega in una nota Uecoop –: dai clochard anziani ai ragazzi sbandati fino ai disoccupati senza aiuti e reti familiari che non hanno le risorse per pagarsi una abitazione o per vivere in ambienti climatizzati”. “Una fascia di disagio sociale che vede gli anziani fra i più esposti ai colpi di calore visto che hanno un sistema di termoregolazione meno efficiente e sono quindi più deboli rispetto a fenomeni di ipertermia”, evidenzia Uecoop su dati del Dipartimento della Protezione Civile per la prevenzione ondate di calore. Inoltre, “la condizione di maggior rischio per gli effetti del caldo viene aggravata dalla solitudine e dal basso reddito”. E “in grandi centri urbani, come Milano, Roma, Torino e Bologna, l’incremento del rischio malori – conclude Uecoop – raggiunge il 50% per i soggetti con più di 85 anni e per vedovi, separati e divorziati”. “E' indispensabile “fare rete per tutelare le persone più fragili dal caldo, ma soprattutto, proteggerle dall'isolamento sociale che è la causa principale della più alta mortalità degli anziani nei mesi estivi, nonché fattore di rischio durante tutto l'anno”, aveva detto la Comunità di Sant'Egidio giorni fa sull'emergenza caldo.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.