Ecco il video dell'evento “più odiato dell'anno”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:12

“Sta arrivando il più pericoloso video dell’anno, ostacolato da Emma Bonino, odiato dalle femministe di tutto il mondo, temuto dalle élite e messo all’indice dai radical chic”: sono le parole usate per il lancio del video ufficiale del prossimo Congresso Mondiale delle Famiglie (World Congress of Families), per la prima volta in Italia, a Verona dal 29 al 31 marzo, annunciato così sul sito e sui profili social di Pro Vita e Generazione Famiglia dal presidente del ‘Wcf Verona XIII’ Antonio Brandi e dal vice-presidente Jacopo Coghe.

L'evento

“Sarà la kermesse più importante del 2019” promettono gli organizzatori che hanno attirato l’attenzione dell’ex radicale Emma Bonino e la sua interrogazione parlamentare che chiede di revocare il patrocinio ottenuto dal governo italiano, che si somma a quelli della Regione Veneto e della Provincia di Verona. “Lo scandalo”, scherzano Brandi e Coghe, “sono le tematiche che saranno affrontate durante il congresso come la bellezza del matrimonio, perché per noi la famiglia è l’istituzione sociale originaria che getta le fondamenta di una società moralmente responsabile. Poi si parlerà anche di diritti dei bambini, ecologia umana integrale, la donna nella storia, la crescita e crisi demografica, la salute e dignità della donna, tutela giuridica della Vita e della Famiglia, politiche aziendali per la famiglia e la natalità”. Confluiranno rappresentanti istituzionali come il ministro della Famiglia e delle Disabilità Lorenzo Fontana e il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti, ma anche esperti, organizzazioni non governative e famiglie dai cinque continenti. Per avere ulteriori notizie, occorre attendere la conferenza stampa di presentazione dell’evento. Per partecipare, basta registrarsi attraverso la pagina del sito.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.