Dalla Ue 4 milioni di euro per la “Comisión de la Verdad”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:15

Quattro milioni di euro dall’Unione europea per l’attività della Comisión de la Verdad, la “Commissione per la Verità”, l’organismo, previsto dagli accordi di pace in Colombia, che ha il compito di indagare e fare chiarezza sui crimini condotti da tutte le organizzazioni armate, guerrigliere e paramilitari colombiane, cercando al contempo di accertare la verità anche sulle centinaia di persone scomparse nel nulla, i cosiddetti desaparecidos. Nei primi sette mesi di quest'anno, 3.790 persone – hanno riferito il procuratore e la polizia colombiana – sono scomparse nel Paese latino americano, il che equivale a una media di 18 persone al giorno; del totale, ben 1.390 sono minori.

Comisión de la Verdad

La Commissione per la verità è presieduta dal gesuita Francesco De Roux, che la settimana scorsa ha incontrato a Bogotá l’Alto rappresentante dell’Unione per gli Affari esteri, Federica Mogherini. Oltre a padre De Roux, per la Comisión de la Verdad hanno partecipato all’incontro Luz Marina Monzón, direttrice dell’Unità di ricerca delle persone scomparse, e Patricia Linares, presidente della Giurisdizione speciale per la pace. Padre De Roux, ha commentato così al Sir l'incontro: “Federica Mogherini ha dato un forte sostegno alla nostra ricerca di giustizia, verità e non ripetizione”. “In un contesto difficile, nel quale l’attuale Governo colombiano ha tagliato del 40% il finanziamento per la Comisión de la Verdad – aggiunge il gesuita -, consideriamo molto importante questo sostegno dell’Unione europea, per continuare nella nostra determinazione di raggiungere l’obiettivo finale nella ricerca di giustizia, per consentire che questo processo raggiunga la sua meta. Federica Mogherini ha ascoltato le nostre proposte e il resoconto delle difficoltà”. Padre De Roux ha rilasciato queste dichiarazioni al termine di una celebrazione per la pace presieduta nella chiesa di Maria Addolorata, nel centro di Bogotá, nei pressi del centro commerciale Parkway. Durante la celebrazione il religioso gesuita ha evidenziato “il coraggio delle donne colombiane, che hanno sofferto molto tra i nove milioni di vittime del conflitto”, e si è detto molto colpito dalle donne che “perdonano coloro che le hanno distrutte perché capiscono che il perdono apre alla grazia di Dio”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.