Dal 19 al 22 luglio il Festival di Amnesty International

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:30

Si svolgerà dal 19 al 22 luglio la 21esima edizione ddi “Voci per la libertà – Una canzone per Amnesty”, il festival dell'Ong che in quattro giorni vuole coniugare musica di qualità e attenzione ai diritti umani. L'evento si svolgerà a Rosolina Mare, in provincia di Rovigo. 

Il Festival

Brunori sas, vincitore del Premio Amnesty Italia, sezione Big, sarà uno dei protagonisti di un programma ricco di eventi, che comprende il sostegno alla campagna di Amnesty International “La solidarietà non è reato” e ospiti come Enrico Ruggeri, Mirkoeilcane, che a Sanremo ha presentato la canzone sui migranti “Stiamo tutti bene” e la Med Free Orkestra. Grandi artisti che si alterneranno sul palco di piazzale Europa con otto band e cantautori provenienti da tutta Italia, da Bergamo a Pantelleria, da Venezia a Napoli, in concorso per il Premio Amnesty Italia, sezione Emergenti, dedicato ai migliori brani legati alla Dichiarazione universale dei diritti umani. Il contest proporrà le semifinali il 20 e 21 luglio e la finale fra i cinque migliori il 22 luglio.

Una campagna per sfidare la “criminalizzazione” della solidarietà

Quest'anno il festival promuoverà la campagna “La solidarietà non è reato” con cui Amnesty International vuole sfidare “la criminalizzazione della solidarietà nelle sue varie forme: il lavoro umanitario e dei diritti umani non dovrebbe mai essere criminalizzato perché aiutare le persone ad attraversare i confini in modo irregolare, senza alcun vantaggio personale, non è contrabbando e non dovrebbe essere considerato un reato. Individui e organizzazioni che aiutano rifugiati e migranti sono l'esempio più visibile dell'impegno per costruire comunità più accoglienti in Europa: testimoniano le violazioni dei diritti umani e gli abusi; rispettano l'imperativo umanitario, anteponendo le persone ai confini”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.