Congresso Cisl Campania: nuovo affondo contro la tratta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:16

Al congresso Cisl della regione Campania alla presenza del suo Segretario Generale Anna Maria Furlan e del Presidente della Regione Campania Vincenzo Luca è stata ascoltato con grande interesse l'intervento sul tema dello sfruttamento della prostituzione di don Aldo Buonaiuto, impegnato da molti anni al fianco di don Oreste Benzi dell'Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII.

Il prete di strada ha richiamato anche le istituzioni campane ad impegnarsi per questa tragedia umana intorno alla quale si registrano, da più parti nella società civile, indifferenza e ignoranza dinanzi a chi perde la propria vita a causa dei vari schiavisti. “Tra coloro che permettono questo mercato vergognoso – dice don Aldo – ci sono i clienti e cioè i primi responsabili di questa schiavitù. Per questo dobbiamo fermare la domanda che è la causa di questa offerta così tanto diffusa”. Nel raccontare le storie di queste giovanissime donne, i loro drammi e le strategie dei vari racket è stata presentata la campagna “Questo è il mio corpo”, con la richiesta di firmare una petizione volta a sostenere una proposta di legge che prevede di colpire lo sfruttamento contrastando il cliente con sanzioni importanti.

Annamaria Furlan nelle sue conclusioni ha ripreso il tema auspicando l'impegno di tutti i sindacalisti a favore della campagna promossa dalla Comunità di don Benzi. La Furlan ha chiesto che la sua organizzazione confederale metta sempre più al centro la persona partendo dagli ultimi. Nel ringraziare don Aldo ha riconfermato il grande impegno della Cisl per sostenere progetti di integrazione e lavoro per le donne che una volta uscite dal tunnel della tratta hanno bisogno di lavorare.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.