Congo: più di 5.000 persone morte di morbillo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:18

Dall’inizio dell’anno, più di 5.000 persone sono morte a causa del morbillo, oltre il 90% erano bambini sotto i 5 anni. Mentre l’epidemia di Ebola, che in Congo ha causato la morte di oltre 2.000 persone, ha avuto una sostenuta attenzione internazionale, il morbillo, che ha causato più del doppio delle morti, continua ad essere sottovalutato”. È quanto denunciato ieri da Edouard Beigbeder, rappresentante dell’Unicef in Repubblica democratica del Congo. 

Vaccinazioni

“A causa di violenza, insicurezza, mancanza di accesso a cure mediche, vaccini e kit medici nelle aree più duramente colpite, migliaia di bambini non vengono vaccinati, con conseguenze potenzialmente letali”, aggiunge Beigbeder, spiegando che “le convinzioni culturali e le pratiche sanitarie tradizionali spesso ostacolano anche la vaccinazione dei bambini contro il morbillo e il trattamento di quelli con sintomi”. “Nonostante le sfide da affrontare, abbiamo gli strumenti e le competenze per prevenire il morbillo con un vaccino sicuro, efficace e a prezzi accessibili. La chiave è raggiungere ogni singolo bambino, ovunque si trovi”, sottolinea Beigbeder. L’Unicef e i suoi partner stanno portando avanti campagne di vaccinazione contro il morbillo nelle aree più duramente colpite e stanno fornendo ai centri sanitari medicine per trattare i sintomi. “Finora – evidenzia il rappresentante dell’Unicef in R.D. Congo –, abbiamo distribuito 1.317 kit medici per il morbillo – che contengono antibiotici, sali per la reidratazione, vitamina A e altre medicine – nelle zone colpite per trattare i bambini con complicazioni”. Tuttavia, queste misure possono essere solo una soluzione a breve termine, poiché – conclude – un investimento significativo nel rafforzamento del programma nazionale di vaccinazione della Repubblica democratica del Congo e su sistemi sanitari più ampi è fondamentale per garantire la salute e il benessere dei bambini del Paese”.

RDC

La Repubblica Democratica del Congo (detta anche Congo, Congo-Kinshasa o ex Congo belga) è uno Stato dell'Africa centrale nota, dal 1971 al 1997, anche come Zaire. È il Paese francofono più popoloso al mondo, avendo una popolazione stimata di 99 milioni di abitanti. Il Paese possiede delle immense risorse naturali, ciò nonostante ha uno dei PIL pro capite più bassi del mondo, nel 2012 era pari a 231 $ nominali e a 647 $ a parità di potere d'acquisto. Nonostante il territorio della nazione presenti ingenti miniere di diamanti, rame, uranio e altri minerali, risorse concentrate maggiormente nella regione del Katanga, vengono sfruttate però da compagnie straniere, senza ricadute economiche significative sulla popolazione. 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com