Al via il progetto “Diritti a canestro” per l’integrazione di ragazzi africani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:24

L'Unicef Italia e il Club Basket Frascati Ssdarl hanno sottoscritto un accordo di collaborazione per il progetto pilota “Diritti a canestro”, che punta all’integrazione di giovani di età compresa tra i 12 e i 14 anni che praticano la pallacanestro. Il progetto è nato, su idea del Club Basket Frascati, nell’ambito di un accordo quadro fra la Federazione italiana pallacanestro e l’Unicef Italia.

Il progetto

“Nel mondo c’è una forza che attrae miliardi di persone attorno a un singolo evento, giovani o vecchi, ricchi e poveri, ragazze e ragazzi, italiani e stranieri: è lo sport – ha dichiarato Francesco Samengo, presidente dell’Unicef Italia, al Sir -. Lo sport ci riguarda tutti, indistintamente, e deve essere accessibile a tutti. Teniamo molto a questo progetto proprio perché porta lo sport dove si trovano i bambini che non hanno la possibilità di praticarlo, garantendo così concreta applicazione al fondamentale diritto al gioco, enunciato dall’art. 31 della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, di cui quest’anno celebriamo il trentennale”. Il Club Basket Frascati sarà la sede di sperimentazione pilota che accoglierà ragazzi di origini africane, per permettere loro, oltre alla pratica della pallacanestro, di avviare un percorso di inclusione sociale e scolastico, attraverso l’accompagnamento nello studio e nell’inclusione familiare e realizzando progetti di inclusione sociale tramite attività sportive e la creazione di strutture ad hoc in aree svantaggiate del territorio italiano. I ragazzi saranno istruiti da personale qualificato con adeguate competenze di coaching per consentire loro di praticare attività sportiva in maniera corretta dentro e fuori dal campo, garantendo loro un ambiente protetto da rischi di violenza, abusi, atti di bullismo ed eccessi nella formazione agonistica.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.