Al via “Back to the future”: aperti 19 centri scolastici per i bimbi siriani rifugiati in Libano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:36

Con l'apertura di 19 centri educativi e comunitari, finalizzati all'inserimento sociale e scolastico dei bambini siriani rifugiati in Libano, parte il progetto “Back to the future” che, grazie anche al finanziamento dal fondo fiduciario Madad dell'Unione Europea, permetterà il rientro a scuola di oltre 18.500 bambini in Libano e Giordania.

Il consorzio di Ong

Al progetto ha contribuito anche un consorzio di organizzazioni non governative costituito da Avsi, Terre des Hommes Italia, Terre des Hommes Netherlands e War Child Holland. La loro collaborazione ha significato un passo importante per il ritorno a scuola di quella che è stata definita “la generazione perduta”. Nel mese di settembre 2017 il consorzio ha inaugurato 19 centri educativi e comunitari nei governatorati Monte Libano, Nabatieh, Nord Libano e Sud Libano.

Il progetto

Il progetto promuove l’iscrizione a scuola e cerca di scongiurare l’abbandono scolastico nel sistema formale educativo dei bambini rifugiati e i bambini vulnerabili delle comunità ospitanti in Libano e Giordania. Nei tre anni del progetto saranno oltre 18.500 i bambini che beneficeranno delle attività. Nei centri appena aperti in Libano i bambini siriani, assieme ai bambini libanesi, potranno accedere ad attività ludico didattiche, alfabetizzazione e insegnamento della matematica di base, corsi di lingue straniere (inglese e francese), corsi di sostegno all’apprendimento e doposcuola, attività psicosociali per bambini, adolescenti e i loro genitori. Nell’ambito del progetto verranno ristrutturati vari locali scolastici per poter accogliere le attività. Un altro elemento importante è il trasporto gratuito a scuola dei bambini, che consentirà la partecipazione alle attività di molti di loro che non hanno la possibilità di spostarsi dalle abitazioni per gli elevati costi di trasporto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.