A novembre oltre 10 mila rifugiati in fuga dal sud del Paese

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:39

Sono oltre 10 mila le persone residenti nella regione del Medio e Basso Shabelle – nel sud della Somalia – che sono state costrette a fuggire dalle loro terre natie a causa del conflitto in corso nel Paese africano tra i milizianni del gruppo terroristico al-Shababb e le forze governative. A riferirlo è il Consiglio norvegese per i rifugiati (Nrc), sottolineando che il dato riguarda solo il mese di novembre

Persone al limite della sopportazione

Il direttore nazionale per la Somalia del Consiglio norvegese per i rifugiati, Victor Moses, ha sottolineato che queste persone – nella maggior parte dei casi – sono al limite della sopportazione. Infatti, Moses ha dichiarato che queste persone “devono affrontare un doppio shock, perché fuggono sia dal conflitto che dalla siccità, il che significa che devono sopportare più crisi contemporaneamente”. Parlando con l'agenzia di stampa turca Anadolu, Moses ha comunicato che nell'ulitmo periodo si sta verificando un “picco nelle famiglie in fuga dai combattimenti che arrivano nei campi già sovraffollati di Mogadiscio”. 

Un appello per fermare il conflitto

Il Nrc, oltre ad aver diffuso i dati delle migrazioni dal sud della Somalia, ha anche rivolto un appello a tutte le parti coinvolte chiedendo la fine dei combattimenti e dei bombardamenti aerei al fine di fermare il flusso di rifugiati. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.