A Campli un incontro per parlare del problema delle sette

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:48

Si è svolto a Campli, in provincia di Teramo, l'incontro “Attratti, vittime e prigionieri delle sette“, organizzato dalla Casa Famiglia Manuela, dell'Associazione della Comunità Papa Giovanni XXIII, in collaborazione con la Pastorale giovanile e la Famiglia Francescana di Campli. L'evento è inserito nell'iniziativa “Quaresima di Carità” che, nel periodo che precede la Pasqua, propone una serie di tre incontri con tematiche sociali e un'adorazione notturna. 

L'incontro

La serata ha visto la presenza, in qualità di relatore, di don Aldo Buonaiuto, sacerdote dell'associazione comunità Papa Giovanni XXIII, che da anni lotta contro lo sfruttamento della prostituzione schiavizzata ed è l'animatore generale del servizio antisette occulte dell'associazione fondata da don Oreste Benzi. Presenti all'incontro anche il Questore di Teramo, il dott. Enrico De Simone, il vice questore, il dott. Andrea Rossi, il maresciallo dei carabiieri di Campli, dott. Marco di Paolo, ed i vertici delle istituzioni scolastiche locali. 

La testimonianza

In Terris ha contattato la responsabile della casa famiglia, Claudia, che si è detta soddisfatta per la riuscita dell'incontro a cui hanno preso parte anche moltissimi giovani. “In molti hanno partecipato, e gli interventi hanno catturato la nostra attenzione – spiega Claudia – stiamo pensando di chiedere a don Aldo di tornare per approfondire il tema delle sette, perché tutti devono capire cosa ci circonda”. 

#show_fotogallery#

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.