Scuola anno zero: emergenza educativa e rapporto insegnante-studente. La testimonianza di un docente

Ecco come la pandemia ha inciso sul rapporto tra insegnante e studente. Intervista di Interris.it al professor Francesco Coltorti, docente nelle scuole superiori e volontario di "Libera"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Scuola
Chairs are placed on the desks in a classroom at the closed Schadow-Gymnasium high school in Berlin, Germany, Thursday, Jan. 7, 2021. Schools are due to reopen on Jan. 8 (Christophe Gateau/dpa via AP)

Nella scuola ci sono macerie invisibili che impediscono al comparto di ripartire. Gli effetti della pandemia hanno travolto docenti e studenti. Sull’emergenza educativa e l’anno zero dell’istruzione Interris.it ha intervistato il professor Francesco Coltorti. Insegnante nelle scuole superiori e volontario dell’associazione “Libera“. scuola

La vocazione della scuola

“Se alunne e alunni percepiscono che all’insegnante non piace stare lì con loro, l’insegnamento risulterà perlopiù fallimentare– evidenzia a Interris.it il professor Coltorti-. Al massimo riuscirà ad istruire nozionisticamente l’Altro. Incutendo timore con autorità, sanzioni, bocciature e ‘votacci’ esemplari. Sempre rigorosamente nella scala da 1 a 10. Credo che l’obiettivo educativo della scuola superiore (e non solo) sia tutt’altra storia. Facilitare e valutare sì un processo di istruzione generale e specifica. Ma soprattutto innestare una coscienza civica e politica nella persona. E in particolar modo mantenergli accesa una mezza idea di felicità individuale e collettiva da spendere. Diffondere. E condividere nel corso della sua esistenza”.scuolaProfessor Coltorti, quanto ha inciso la pandemia sull’emergenza educativa?
“Senz’altro un calo generalizzato dell’attenzione è riscontabile. Gli ultimi tre anni di pandemia hanno dato il colpo di grazia. La Didattica a distanza ha permesso di rispondere all’emergenza sanitaria. Ma non potrà (e non dovrà) mai sostituire la scuola in presenza”.scuolaQuali sono le possibili risposte a questa difficoltà generalizzata della scuola?
“Credo che vadano riviste fortemente le programmazioni scolastiche di buona parte delle discipline. E deve cambiare anche l’approccio generale all’insegnamento. Le studentesse e gli studenti che vivo io sono quelli della scuola superiore. Non c’è alcuna affezione nei confronti della scuola da parte loro. E anche chi se la cava bene la vive spesso solo nella dimensione di impegno. Sacrificio. E fredda scolasticità. Una scuola secondaria di secondo grado è già un istituto di indirizzo. Una strada che l’alunno/a in teoria ha scelto per quelle che ritiene siano le sue passioni e/o predisposizioni. Non può essere che la maggior parte di questi ragazzi poi riveli nel tempo il proprio smarrimento. Cioè di non trovare un interesse piacevole in almeno due o tre materie di studio all’interno del corso opzionato”.scuolaE per voi docenti?
“C’è il vantaggio di poter imparare mentre si insegna, come diceva Seneca. Ovvero l’opportunità di sentirsi investiti di un lavoro professionale certamente. Ma anche del miglior lavoro che si possa fare. Un insegnante educa, oltre al mero istruire. Solo se effettivamente sente il piacere di condividere le lezioni che propone ad alunne e alunni. E se vive uno stato di benessere mentre è in mezzo agli studenti. Quindi se è convinto seriamente di arricchire sé stesso mentre tutto ciò accade”.scuolaCosa rende gravoso insegnare?
“Certo ci sono delle situazioni frustranti. Delle scuole o delle classi molto più difficili di altre. Contesti e situazioni familiari di alunni tutt’altro che d’aiuto. L’insegnante deve mettere comunque in gioco la sua quota di responsabilità che in tutto questo può fare la differenza. Cercare di tirare fuori il meglio da chi si trova davanti. Certamente non ‘sorvegliare e punire’. Né entrare in puerile competizione con i colleghi. O sfogare le proprie insoddisfazioni personali nella relazione educativa”.© UNICEF/UN0622386/Holerga

Come si capisce che la missione educativa è stata raggiunta?
“La credibilità è più della metà dell’opera di insegnamento. Oltre alla preparazione sulla disciplina e la cultura generale. Il sapere, quando viene al massimo trasmesso anziché comunicato (per usare una terminologia tanto cara a Danilo Dolci), è in fondo portatore di analfabetismo emotivo. E non vi è apprendimento significativo che non passi dal vissuto. E dal riconoscimento di emozioni ‘positive'”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.