Sos nuove indigenze. In Italia un povero su due è un padre separato

800 mila padri separati vivono in Italia sotto la soglia di povertà. Unione Padri Separati: "Nel 94% delle separazioni, l’uomo è tenuto al versamento di assegni di mantenimento". La testimonianza dell'avvocato Valentina Ruggiero, esperta in diritto di famiglia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

Un povero su due è un padre separato. In Italia aumentano i cosiddetti “nuovi poveri”. E, secondo i dati della Caritas, quasi 1 su 2 (46%) è rappresentato da un padre separato non collocatario. Cioè, i cui figli, a seguito della separazione, abitano stabilmente con la madre. I padri separati o divorziati in Italia sono quattro milioni. Di questi 800.000 vivono sulla soglia di povertà. Il 66% circa non riesce a sostenere le spese per i beni di prima necessità.Italia

Sos papà poveri in Italia

800.000 padri separati, insomma, vivono sulla soglia di povertà. “Dati allarmanti”, osserva l’avvocato Valentina Ruggiero. Aggiunge l’esperta in diritto di famiglia: “Ci sono padri costretti a vivere in auto. I progetti di riforma sono numerosi. Ma serve maggior celerità. Soprattutto per la questione degli alloggi”. Il motivo principale di questo preoccupante impoverimento è uno. Ed è rappresentato dall’assegno di mantenimento per i figli. Che spesso è al di sopra delle reali capacità economiche dell’uomo. L’Unione Padri Separati precisa che nel 94% delle separazioni, l’uomo è tenuto al versamento di assegni di mantenimento. E appena nel 30% dei casi gli è concesso di mantenere la casa. Perciò il restante 70% degli uomini deve stringere la cinghia. Per aggiungere a quella somma anche le spese per una nuova abitazione. Che dovrà essere possibilmente nella stessa zona in cui abitano i figli. E sufficientemente accogliente e spaziosa per poterli ospitare. Nei giorni in cui gli sono affidati.italia

Estrema difficoltà

“Purtroppo i fatti di cronaca ci raccontano situazioni di estrema difficoltà– puntualizza l’avvocato Valentina Ruggiero-. Con padri costretti a vivere in auto. Perché non riescono a sostenere le spese di una casa. Questo è intollerabile per una società civile. E comporta anche delle limitazioni alla loro genitorialità. Poiché appare evidente che non potranno tenere i figli con sé, facendoli dormire in auto. Una situazione insostenibile che limita il tempo da trascorrere insieme“. E aggiunge l’esperta in diritto di famiglia: “Con la pandemia e le relative difficoltà economiche, la situazione è peggiorata ulteriormente. Certamente nella valutazione del giudice c’è sempre l’obiettivo primario di tutelare i minori. Ma sarebbe auspicabile tenere nel giusto conto anche la vita dei genitori”.italia

Non deducibili dalle tasse

Le associazioni di padri separati segnalano, infatti, la “zavorra” degli assegni di mantenimento. Che non sono deducibili dalle tasse. E sono spesso ben al di sopra delle reali disponibilità dell’uomo. Con uno stipendio netto di 1.400 euro al mese, si può arrivare a dover pagare anche tra i 400 e i 700 euro. A seconda del numero dei figli. La somma rimanente dovrebbe bastare a coprire le spese di vitto e alloggio per sé. Oltre alle piccole spese da sostenere quando si trova in compagnia dei figli (gelati, giostre, cinema, cene).Italia

Presa di coscienza

Prosegue la legale: “Credo sia dovere dei giudici, degli avvocati, dei legislatori e della società tutta prendere coscienza di questa situazione. Che sta diventando davvero insostenibile. È importante permettere a questi uomini di condurre una vita dignitosa. Continuando a svolgere al meglio delle loro capacità il ruolo di padre. La bigenitorialità non è solo un pilastro per la vita dei minori. Ma anche un loro diritto. I progetti di riforma in questo ambito ci sono. E sono tanti, e devono essere approvati con maggior celerità“.italia

Riforme necessarie in Italia

Puntualizza l’avvocato Ruggero: “Dovrebbero con urgenza essere decise tutta una serie di riforme. Per gli alloggi da concedere ai padri separati con figli. Ciò darà la possibilità di creare sempre più alloggi gratuiti. O con pagamenti di gettoni minimi all’interno delle città. In stabili di proprietà del comune in disuso da ristrutturare. Per permettere così di agevolare la situazione economica dei genitori separati”. Infatti, conclude l’esperta in diritto di famiglia, “per i padri separati, non dover sostenere affitti onerosi significherebbe vivere in una società civile. E aperta ai bisogni delle famiglie. Anche ciò rappresenta e dimostra la civiltà di un paese”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.