L’ex ministro Sirchia a Interris.it: “Le Rsa entrino nel Servizio sanitario nazionale”

A Interris.it la proposta dell'ex ministro della Salute, l'ematologo Girolamo Sirchia: "Le residenze sanitarie assistenziali (Rsa) entrino a far parte del Servizio sanitario nazionale (Ssn)"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
© MICHELE RICCI LAPRESSE 25-11-2003 ROMA POLITICA CONVEGNO "I 40 ANNI DELL'ARIS" - SALA DELLA PROTOMOTECA CAMPIDOGLIO GIROLAMO SIRCHIA MINISTRO DELLA SALUTE

“Per fronteggiare la seconda ondata della pandemia è necessario che le residenze sanitarie assistenziali (Rsa) entrino a far parte del Servizio sanitario nazionale (Ssn). Non c’è tempo da perdere“, afferma  Interris.it l’ex ministro della Salute e scienziato di fama mondiale. Il professor Girolamo Sirchia, storico primario di ematologia al Policlinico di Milano, pioniere italiano delle trasfusioni nei trapianti di organi, nei quattro anni e mezzo (tra il 2001 e il 2005) da titolare della Sanità ha affrontato per intero l’emergenza Sars e la parte iniziale di quella dell’influenza aviaria. Portano il suo nome la legge che dal 2003 vieta il fumo nei luoghi pubblici e di lavoro e quella che regolamenta le pratiche di procreazione assistita proibendo la “provetta selvaggia“. 

Emergenza Rsa

Dalla Puglia al Trentino, sono diversi i focolai, piccoli cluster registrati negli ultimi giorni nelle Rsa. La prima conseguenza è che le visite dei parenti sono state congelate. E si è tornato a far ricorso alle videochiamate. In particolare si aggrava la già allarmante situazione del focolaio in atto nella Rsa di Avezzano (L’Aquila). Sono complessivamente 104 i casi. 87 sono anziani, gli altri sono operatori sanitari.badanteProfessor Sirchia, ieri in Giappone è scattato un piano straordinario per la protezione degli anziani in pandemia. Cosa bisogna fare in Italia per mettere in sicurezza le Rsa, le residenze sanitarie assistenziali che nella prima ondata sono stati i luoghi più duramente colpiti dall’emergenza sanitaria?

“Prima di tutto le Residenze sanitarie assistenziali devono entrare a far parte del Servizio sanitario nazionale (Ssn). Ora di fatto le Rsa non sono di nessuno e sono affidate in gran parte ai privati. A parte il nome, non c’è nulla di sanitario in queste strutture per anziani e disabili”.

Quali interventi sono necessari?

“Le Rsa vanno inserite in una rete territoriale. Adesso, in tempo di pandemia, viene bloccata la frequentazione delle strutture da parte di parenti e conoscenti. Proibire queste visite è crudele perché si tratta di persone che lì dentro sono sole. Ma ciò ha una ragione medica. Durante un’emergenza sanitaria grave come quella attuale è troppo rischioso consentire ingressi. Non si può tenere aperti ed esporre a contaminazioni esterne questi luoghi così fragili. C’è poi un’altra esigenza”.Quale? 

“Nelle Rsa vivono soggetti particolarmente fragili. Uomini e donne vulnerabili che hanno costante bisogno di essere monitorati da personale medico e paramedico. Oggi purtroppo non è così. Nelle residenze sanitarie assistenziali i medici non visitano frequentemente gli ospiti e il personale infermieristico è presente a rotazione. Si tratta spesso di cooperative di paramedici. Ciò non garantisce un livello di assistenza e di cura adeguato a persone in condizioni di conclamata necessità. In sostanza le Rsa sono luoghi delicatissimi, eppure, inspiegabilmente, sono lasciati ai margini del Servizio sanitario nazionale”. Perché?

“Il sistema sconta ritardi e lacune. Per garantire la necessaria assistenza ai loro ospiti, le Rsa dovrebbero essere subito collegate sul territorio alle case della salute. Il Paese deve prendersi cura dei più deboli. E in invece le Rsa sono una via di mezzo tra un albergo e un ospizio. C’è una grave carenza al loro interno di assistenza sanitaria. Ciò è inaccettabile perché, in piena crisi Covid, sono in pericolo persone che spesso hanno malattie croniche. Stanno insieme nelle residenze e così si contagiano anche per effetto delle loro difficoltà cognitive. Servirebbero un medico fisso nelle scuole e uno in ciascuna Rsa”. In aggiunta a ciò, cosa dovrebbe fare il governo per contrastare il contagio?

“L’ex responsabile della Protezione Civile, Guido Bertolaso ha proposto ai comuni di affittare pullman da ditte private per rafforzare il servizio pubblico. La trovo una misura molto utile per evitare l’affollamento sugli autobus e le metropolitane. Invece di mantenere tanti addetti senza lavoro con assegni e sussidi, si può ingaggiare personale privato per impedire che il trasporto pubblico diventi strumento di diffusione del virus. Più mezzi significa meno assembramenti”.

 

 

 

 

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.