Ecco come cambia il mercato del lavoro. Chi paga il prezzo sociale più alto

Mercato del lavoro in rapido cambiamento: le conseguenze sugli individui e la collettività. Le dinamiche evidenziate dal Rapporto Italia dell'Eurispes

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
lavoro
Un lavoro “trasformato” in una società impoverita. Il Rapporto Italia dell’Eurispes descrive la nascita di nuovi mestieri. E la trasformazione (o la scomparsa) di quelli esistenti. Con pesanti conseguenze sociali ed economiche. Sulla vita individuale collettiva di milioni di italiani. Il cambiamento riguarda ambiti molteplici del mercato del lavoro. Quali la tipologia contrattuale. Cioè la progressiva diminuzione dei tradizionali contratti a tempo indeterminato. A favore di forme contrattuali alternative. Lo “skill mix” dei lavoratori. Ossia la mutazione nella domanda di competenze. E le caratteristiche delle professioni.
lavoro

Lavoro in trasformazione

Complessivamente si possono identificare alcuni grandi fattori di cambiamento. Sono chiamati comunemente “megatrend“. Cioè la digitalizzazione e il progresso tecnologico. La globalizzazione. L’invecchiamento della popolazione. La transizione verso la green economy. Il primo fattore è legato all’applicazione al settore produttivo della “rivoluzione digitale”. Non si tratta solo delle tecnologie legate alla cosiddetta industria 4.0. E all’impiego di robot. In sostituzione del lavoro manuale. Ma anche dello sviluppo dell’intelligenza artificiale. E delle implicazioni che ha per il mondo dei servizi. Coinvolgendo sempre più professioni. Anche quelle che sino a pochi anni fa sembravano immuni alla minaccia tecnologica.

Outsourcing e offshoring

Il secondo fattore è la globalizzazione. Nell’ambito produttivo ha accentuato i processi di localizzazione. Come l’outsourcing e offshoring. Con la nascita della cosiddetta “global value chain“. Nel mercato del lavoro ne è conseguita una diversa domanda di competenze. Nelle varie fasi del processo di produzione. Generalmente tradotta in maggior domanda di “low skill”. Nei paesi meno avanzati. Dove vengono localizzate le attività a minore valore aggiunto. E una maggiore domanda di “high skill“. Nei paesi più avanzati. Dove tendono a concentrarsi le attività a maggior valore aggiunto.
lavoro

Invecchiamento

Molti dei paesi occidentali devono fronteggiare l’invecchiamento della popolazione. Con effetti che vanno al di là della sostenibilità dei sistemi pensionistici. E che investono direttamente il mercato del lavoro. Il fatto che le persone siano destinate a lavorare più a lungo solleva un problema. Ossia come prevenire l’obsolescenza delle competenze. In secondo luogo, l’invecchiamento della popolazione crea una domanda di alcune specifiche competenze. Come quelle legate alle attività di cura e riabilitazione. Ma anche all’uso del tempo libero. E alla produzione di sussidi.

Photo by SAEED KHAN / AFP

Lavoro green

C’è, poi, il potente impatto che il cambiamento climatico ha sulle società avanzate. E la crescente attenzione ai temi della sostenibilità ambientale. Supportata da notevoli programmi di investimento. Come il “green deal” europeo. Ciò favorirà la nascita di nuove occupazioni. E lo sviluppo di competenze “green”.  Richieste in modo trasversale da molte occupazioni. L’impatto di questi megatrend sul mercato del lavoro agisce su due livelli. Un primo livello ha a che fare con la creazione (e la distruzione) di posti di lavoro. Tutti i fenomeni finora descritti hanno un effetto. Ossia contribuire sia alla scomparsa di alcuni lavori. Sia alla creazione di nuove professioni. Per esempio i robot svolgono mansioni sempre più sofisticate. E pertanto in grado di sostituire l’uomo. Allo stesso tempo la tecnologia consente lo sviluppo di nuovi lavori. Che non esistevano sino a pochi anni fa. Si pensi, ad esempio, ai lavori connessi al settore della cyber-security. E, in generale, a tutto quanto riguarda la tumultuosa evoluzione dei social media.
lavoro

Competenze

Un secondo livello riguarda la trasformazione dei lavori esistenti. La tecnologia cambierà le competenze. E le skill richieste per svolgere non solo i nuovi lavori. Ma anche quelli che continueranno a esistere. La crescente disponibilità di dati. E l’uso sempre più diffuso di macchine e strumenti sofisticati. Tutto ciò ha modificato notevolmente anche professioni intensive di rapporti personali. Quale quella del medico. Le competenze digitali stanno diventando sempre più pervasive. Con effetti su molte figure. Ossia professioni tecniche legate al mondo digitale. Sempre più spesso impiegate in settori molto eterogenei. E dunque chiamate ad adattare le proprie competenze a elevata specializzazione. In contesti diversi. Che spesso hanno effettuato la svolta digitale solo recentemente. Come dimostra la transizione del settore manifatturiero alla cosiddetta “Industria 4.0”. Pensare in modo creativo è, dunque, una competenza decisiva per questi ambiti lavorativi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.