Gli affari d’oro della cyber-mafia: gli hacker superano i trafficanti di droga

Ogni 3 secondi avviene un furto di identità digitale. Il "cybercrime supera il traffico di droga, tra gli ambiti più remunerativi per le mafie. I profitti record degli hacker

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Rete
Gli hacker più ricchi dei narcos. Ogni 3 secondi nel mondo avviene un furto di identità digitale. Il “cybercrime“, secondo le indagini di studiosi e magistrati, ha superato il traffico di droga. Tra gli ambiti più proficui per le mafie.
hacker

Fonte: ANSA

Boom di attacchi

2 mila attacchi hacker in un anno. Allarme pirateria informatica in Italia. Nel 2020 boom di cyber-assalti contro aziende pubbliche e private. Molte delle quali impegnate nella lotta al Covid-19. E’ uno dei dati emersi nel corso di  un incontro online. Sul tema “Cybercrime. Rischi e strumenti per arginare i crimini. Nell’era digitale“. L’appuntamento si è svolto nell’ambito di “Sita 2021”. La serie di eventi formativi su scienze. Innovazione. Tecnologia. Ambiente. Una rassegna organizzata dal comune di Partanna.
hacker

Gli hacker superano i narcos

Il pubblico ministero della procura di Palermo, Calogero Ferrara combatte il “cybercrime”. E afferma che questo fenomeno “ha superato il traffico di droga. Tra gli ambiti più proficui per le mafie”. E che ormai nel mondo “almeno ogni 3 secondi avviene un furto di identità digitale“. Francesco Petruzzella, funzionario informatico della procura di Palermo, aggiunge una spiegazione tecnica. “I cloud costituiscono gli obiettivi principali dei cybercriminali. Per ottenere disponibilità di informazioni personali. Colpendo la riservatezza dei dati“.

Pandemia

Secondo le ultime rilevazioni, sottolinea Francesco Petruzzella, “nel 2020 in Italia sono stati 1.871 i cyber attacchi. Nei confronti di aziende pubbliche e private. Si tratta di strutture colpite. Attraverso il blocco dei sistemi informatici. Tra loro ci sono aziende sanitarie. Impegnate a proteggerci dalla pandemia“.
Hacker

Aggiornamento delle leggi

“La tavola rotonda in streaming ha coinvolto studenti di tutte le scuole siciliane. Realizzata con la collaborazione della Fondazione Rocco Chinnici– sottolinea una nota del comune di Partanna– L’obiettivo è fare il punto su uno dei fenomeni più in espansione. Nelle società moderne. Ovvero quello dei crimini informatici. Che comportano un aggiornamento continuo delle normative. E degli strumenti di contrasto“. E’ intervenuto all’incontro online Giovanni Chinnici. Figlio del magistrato ucciso dalla mafia nel 1983. E presidente della fondazione che ne porta il nome. Ha ricordato che il 39° anniversario anniversario dall’assassinio di Pio La Torre. “Rocco Chinnici e Pio la Torre- ha detto Giovanni Chinnici- hanno avuto la capacità di interpretare il presente. Immaginando il futuro”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.