Storia di Gisbert, il modello eremita alla ricerca della libertà

Da ufficiale sulle navi di crociera a un antro naturale sulla piccola isola delle Eolie: alla ricerca di una libertà dell'anima

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:00

Pochi giorni fa mi sono imbattuta nella storia di Gisbert, l’uomo che da 42 anni vive in una grotta nell’isola di Filicudi. Questo signore, soprannominato “l’eremita”, vive da tempo in assoluta solitudine.

La storia

Gisbert Lippelt, questo è il suo nome, ha 73 anni ed è nato in Germania. Ha trascorso tutta la vita in giro per il mondo grazie al suo mestiere di secondo ufficiale delle navi da crociera. Ad un certo punto l’uomo ha deciso di dare una svolta alla sua vita e si è ritirato in un antro naturale di contrada Serro, a 400 metri sul livello del mare. Le sue motivazioni? Gisbert sostiene che questo è l’unico modo per vivere senza aver bisogno di nulla e che per nessuna ragione al mondo rinuncerebbe alla sua libertà. Questa storia mi ha fatto molto riflettere sul concetto che oggi abbiamo di libertà. Gisbert, nonostante viva da solo in una caverna, si sente un uomo libero ed è felice della sua vita.

Essere liberi

Oggi il dibattito si concentra soprattutto sulla libertà, nel senso che non si giustifica più – in nessun modo – la privazione della stessa e questo perchè viviamo in sistemi democratici consolidati, anche se questo non vuol dire che debba trattarsi di una conquista da dare per scontata. Soprattutto dopo l’esplosione della pandemia da covid 19, abbiamo imparato quanto possa essere importante la libertà, intesa non solo come una limitazione dell’essere umano (come durante il lockdown, in cui siamo stati obbligati a non uscire), ma anche come un rapporto di rispetto nei confronti degli uni agli altri.

Libertà dell’anima

E’ giusto sentirsi liberi, ma è anche giusto portare rispetto per le regole che ci vengono imposte, e capire che esiste un bene di tutti e che non è fatto per limitare le nostre opportunità personali. Per questo credo che la lezione di Gisbert sia molto attuale: lui si è spogliato di tutto per essere libero. L’esempio più luminoso, in questo senso, è quello di San Francesco che si spogliò dei suoi beni per seguire il messaggio evangelico. Ebbene, da queste storie scopriamo che esiste una libertà materiale ed anche una libertà dell’anima. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.