Giovani per il pianeta: Francesca vs. la “Fast fashion”

Il tema della sostenibilità e dell'impatto delle aziende sull'ambiente e un tema molto caro ai giovani: ecco da dove nasce il progetto "Il vestito verde"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Negli ultimi anni, il mondo ha finalmente intrapreso un dibattito sull’impatto ambientale delle attività umane. Poiché salvare il nostro pianeta sembra essere una questione di tempo, questo tema è particolarmente caro ai giovani, che hanno chiaramente dimostrato di voler agire. Francesca Boni è una di loro. Studentessa italiana e appassionata di sostenibilità e moda etica, nel 2017 ha fondato Il Vestito Verde, una community su Facebook che ha trasformato anche in un sito web. Sia la comunità FB che il sito web – che oggi conta più di 24.000 utenti – hanno l’obiettivo di condividere informazioni e consigli su come acquistare in modo consapevole. Il sito contiene un database ricco, pratico e facile da usare, una mappa dei negozi fisici di moda sostenibile e un blog informativo che aiuterà i lettori a orientarsi e a trovare le alternative perfette per tutti i gusti e i budget. Sentiamo cosa dice Francesca di questo progetto e del difficile rapporto tra moda e sostenibilità.

Quando e come è nata l’idea de Il Vestito Verde?

“È stata una necessità nata dopo aver visto ‘The true cost’, un documentario su come l’industria della moda stia inquinando il pianeta e violando i diritti umani. Ero estremamente scioccata perché non ne ero a conoscenza, e sapevo che la maggior parte delle persone non lo era. Ho iniziato a pensare a come avrei potuto contribuire a migliorarla e ho iniziato a fare delle ricerche. Ho capito che la cosa migliore era riunire le persone che conoscevano l’argomento per scambiare le loro idee. Per questo ho creato il gruppo Facebook, che poi mi è stato suggerito di trasformare in un sito web per diffondere e fornire le informazioni più facilmente. Il sito è stato creato nell’aprile 2019 e leggermente modificato nel tempo per renderlo più completo, per coinvolgere più persone, permettere agli utenti di personalizzare la loro ricerca e monetizzarlo – ora vendiamo pubblicità sulla piattaforma. Penso che questo sito riesca nell’intento di mostrare alle persone che tutti possono permettersi una moda sostenibile (pensate allo shopping di seconda mano!) e di educare molti consumatori, grazie al nostro blog”.

A proposito di pubblicità… Sei riuscita a trasformare la tua passione in un vero progetto, ma sono sicura che non sia stato facile. Quali difficoltà hai affrontato per “tenere tutto pulito”?

“Beh, da un lato, dato che siamo una piattaforma di nicchia, conosciuta per essere autentica e fedele ai nostri valori, le aziende sono disposte a pagare di più. Dall’altro, siamo molto selettivi quando scegliamo le aziende con cui lavorare, il che rende competitivo diventare mio cliente. Infatti, chiedo loro di compilare un modulo molto dettagliato per sapere quali sono tutte le loro pratiche etiche e sostenibili. Non mi aspetto che nessuno sia perfetto, mi aspetto solo che siano interessati ad essere un motore di cambiamento come lo è Il Vestito Verde. Solo circa due terzi di loro “passano il test”, il che significa meno entrate, ma non importa perché non vogliamo perdere la fiducia dei nostri clienti. Tuttavia, voglio chiarire che non siamo un’agenzia di certificazione. Quello che facciamo attraverso la piattaforma è trovare marche cool e condividerle, dare consigli per gli acquisti, con l’obiettivo di ridurre gli acquisti dannosi per il pianeta”.

Considerando la quantità di informazioni facilmente accessibili sulla sostenibilità, pensi che si possa parlare di una “consapevolezza verde” condivisa? O la strada è ancora lunga?

“Purtroppo, penso che, per quanto ci siano persone, come me e te, che si preoccupano della sostenibilità, molte altre non lo fanno. Questa “comunità di persone consapevoli” sta crescendo e aiuta a diffondere la conoscenza, ma non è ancora abbastanza. Ci sono molte ragioni per cui la moda consapevole e sostenibile non è ancora decollata, ma è, prima di tutto, una questione di budget. Molte persone non possono permettersi di spendere di più.  Inoltre, la responsabilità non è solo dei consumatori, ma anche – forse di più – dei politici, che dovrebbero sostenere un settore della moda più sostenibile”.

In effetti, mi sembra che la gente si preoccupi soprattutto del costo della moda sostenibile. Pensi che questa sia una preoccupazione reale o solo una scusa?

“Quello di cui spesso non ci rendiamo conto è che sono le persone che possono permettersi di scegliere cosa comprare che dovrebbero portare il cambiamento. I consumatori con redditi più bassi sono già più sostenibili perché comprano meno, riutilizzano di più e, in realtà, escogitano molti rimedi ai rifiuti. Al contrario, le persone con redditi più alti tendono a privilegiare la quantità rispetto alla qualità. Il loro consumo eccessivo e le loro tendenze frenetiche sono il problema. Inoltre, l’inclusività è davvero importante qui. Se non includessimo anche le persone che comprano fast fashion perché non hanno scelta, questo sarebbe un movimento classista e intollerante”.

Dato che ad oggi ci sono così tanti marchi, anche di fast fashion, che seguono il “trend verde”, come possono i consumatori distinguere il greenwashing dalla sostenibilità?

“Pensando criticamente e imparando come funzionano i modelli di business. Se un marchio spinge i consumatori a comprare cose nuove perché quello che già possiedono non va più bene, non è sostenibile, anche se usa tessuti sostenibili. Tuttavia, anche il greenwashing può avere un effetto positivo. Quando un noto marchio svedese ha deciso di produrre una grande quantità di magliette di cotone biologico, il prezzo di questo tessuto è diminuito in tutto il mondo, permettendo anche alle piccole imprese sostenibili di acquistarlo a un prezzo più basso e di vendere i loro prodotti a un costo inferiore e a più persone. Un’altra cosa da considerare è che la gente non fa ricerche abbastanza approfondite. Ora, se si cerca su Google ‘moda sostenibile’, i primi risultati saranno sulle collezioni ‘verdi’ dei marchi di fast fashion e la maggior parte delle persone è molto probabile che clicchi su questi primi link, finendo così per comprare comunque dai siti di fast fashion”.

Tu sei in contatto con diversi marchi sostenibili. Qualcuno di loro ha subito un cambiamento strutturale per diventare verde o sono nati verdi?

“Penso che, attualmente, si è sostenibili se si è nati in questo modo – Patagonia, per esempio. Il cambiamento non è ancora possibile perché richiede molto tempo, soprattutto a causa della durata dei contratti con i fornitori, i grandi cambiamenti strutturali necessari nella fabbrica stessa e nel rapporto con i dipendenti. Richiederebbe anche grandi investimenti, che molte aziende non possono permettersi di fare in questo momento. Ed è per questo che è così importante sostenere i marchi sostenibili”.

E per quanto riguarda il futuro? Hai qualche nuovo progetto?

“Per quanto riguarda la piattaforma, stiamo costruendo filtri più completi – comprese le certificazioni, la compensazione del carbonio e l’etica. Il sito web crescendo, il che è positivo! Dopo l’università, vorrei davvero che questo fosse il mio lavoro a tempo pieno, anche se fare l’imprenditore fa abbastanza paura, visto anche lo scarso supporto che si riceve dal governo italiano. Vorremmo fare un’app, che però richiede più risorse, e trovare un nuovo hosting che deve essere carbon-neutral – anche l’inquinamento digitale è un grosso problema! Abbiamo cercato per un po’ ma non ne abbiamo ancora trovato uno… Vedremo cosa ci riserva il futuro!”.

Kejsi Hodo è tirocinante della cooperativa sociale Volunteer in The World

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.