L’esperienza della diocesi di Houston: raccolta di fondi per i nuovi poveri

L'iniziativa della diocesi di Houston a sostegno dei nuovi poveri causati dalla pandemia da coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:01

La pandemia globale determinata dalla diffusione del virus denominato Covid-19 sta provocando, oltre alla tragica perdita di vite umane, una crisi economica di immani proporzioni in tutto il mondo.

In particolare negli Stati Uniti – secondo una recente ricerca pubblicata dalla Columbia University – da maggio ad oggi oltre 8 milioni di persone, di cui 2,5 milioni di bambini, sono scesi sotto la soglia di povertà.

Tanto premesso, per alleviare questa tragedia sociale ed economica di proporzioni immani, il 21 e il 22 novembre, nella Solennità di Cristo Re, l’arcidiocesi di Galveston – Houston che conta oltre 6 milioni di abitanti ed è retta dall’arcivescovo metropolita Cardinale Daniel Nicholas DiNardo, organizzerà una speciale raccolta fondi al fine di sostenere il programma nazionale della Conferenza episcopale locale contro la povertà e per la giustizia sociale con il mirabile obiettivo di aiutare quel 60% delle famiglie a basso reddito residenti nella territorio della sopracitata arcidiocesi che, a causa della pandemia, sono rimasti senza nessuna forma di reddito.

Questa lodevole forma di sostegno e vicinanza alle persone più deboli attuata dalla arcidiocesi di Galveston – Houston, anche conosciuta come Campagna cattolica per lo sviluppo umano, ha origini lontane in quanto la stessa prese avvio nel 1967 dopo la pubblicazione da parte di Papa Paolo VI dell’Enciclica intitolata Populorum Progressio che faceva riferimento con lungimiranza al concetto di Caritas Internationalis correlato all’appello a prodigarsi senza riserva per aiutare chi ha bisogno.

In ultima istanza, alla luce di quanto precedentemente esemplificato, è fondamentale che ognuno di noi, attraverso l’empatia e l’altruismo, ascolti ed aiuti le persone in difficoltà in questo difficile momento storico connotato dalla pandemia da Covid-19 in ossequio al lungimirante pensiero che Madre Teresa di Calcutta era solita ripetere: Molti parlano dei poveri, ma pochi parlano con i poveri”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.