Dog Therapy, a scuola con gli amici a quattro zampe per facilitare inclusione e integrazione

Attraverso l’interazione sociale con un animale formato appositamente, i percorsi di pet therapy puntano al "miglioramento dell’esperienza scolastica per gli alunni con disabilità"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Dog

Per migliorare l’esperienza scolastica degli alunni con disabilità riprende la dog therapy. Torna “Basta una zampa”, l’iniziativa solidale della onlusFor a Smile“. A scuola con gli amici a quattro zampe .Per facilitare inclusione e integrazione. In un momento in cui la scuola è più che mai precaria e incerta.dog

Dog therapy per l’inclusione

Il progetto nazionale di dog therapy “Basta una Zampa” porta gli amici a quattro zampe a incontrare i bambini e ragazzi. Nelle scuole d’infanzia, primarie e secondarie. L’iniziativa è organizzata e promossa da For a Smile Onlus. E riparte dal Piemonte e dalla Sardegna. Per rendere la scuola ancora più accogliente e accessibile. Un’esperienza che migliora la fiducia in se stessi e il linguaggio non verbale. E che oggi diventa anche internazionale. Con le sessioni in lingua straniera.
dog

Progetto

Il progetto è iniziato lo scorso anno in alcuni istituti di Piemonte, Lombardia e Sardegna. Oggi riprende accogliendo le domande delle tante scuole che hanno richiesto l’intervento dei cagnolini. “Un esperimento innovativo. Particolarmente utile in questo clima confuso e ansioso. Nel quale viviamo tutti. Grandi e piccoli– commenta Ludovica Vanni, presidente della onlus. “In questi ultimi due anni non siamo più potuti entrare con i nostri operatori ed i loro cagnolini negli ospedali. Ma sarebbe stato un peccato rinunciare. Perché abbiamo visto che, nelle situazioni critiche, la dog therapy può essere molto utile. Nelle scuole la situazione è difficile. Molti bambini, specie nei contesti più fragili, hanno problemi di reinserimento. E fanno fatica nel rapporto con i compagni e le maestre. In questo modo aiutiamo a rasserenare gli animi. Oltre a offrire momenti di svago e di sfogo emotivo. E a permettere un po’ di movimento”.Dog

Un aiuto a scuola

I bambini hanno vissuto lunghi mesi di isolamento a casa. Privati della socialità. Della loro routine. Delle attività fisiche e all’aria aperta. Sono tanti e ormai riconosciuti i danni psico-sociali ereditati dal lockdown. E dalle continue quarantene a cui i bambini sono costretti. Oggi la scuola a fatica sta cercando di abbracciare, almeno virtualmente, le insicurezze e le paure che i bambini si portano dietro. In questo contesto di fragilità opera “For a smile”. La onlus da oltre 15 anni porta avanti progetti dedicati all’infanzia e alle famiglie. E promuove a livello nazionale l’iniziativa “Basta una zampa” di dog therapy negli ospedali. Ha deciso di entrare nelle scuole. E incontrare i bambini nel cortili. O nei parchi degli istituti.

Percorsi-dog therapy

I percorsi ludici sono costruiti in base alle esigenze del gruppo. E definiti dagli operatori professionisti. Insieme alle insegnanti. Allo psicologo della scuola. E alle famiglie. Gli incontri sono condotti da operatori certificati I.A.A. (Interventi Assistiti con Animali- Dog Therapy). Accompagnati dai loro simpatici amici a quattro zampe educati per le attività coi bambini. L’iniziativa è totalmente donata dalla onlus “For a smile“. Dando priorità ai contesti con particolari difficoltà di inserimento e integrazione. L’intervento di dog therapy nelle scuole lavora su meccanismi emotivo-affettivi. Volti ad abbassare il livello di stress. Legato a questo specifico periodo. Di inserimento. E di post isolamento. Si tratta di attività di tipo ludico-ricreativo. E di socializzazione. Attraverso le quali si promuove la corretta interazione uomo-animale. L’obiettivo è il miglioramento della qualità della vita. E l’incremento del benessere dei bambini. Attivando e sostenendo le loro risorse di crescita e progettualità individuale. E offrendo un’esperienza diversa nella routine scolastica. Mediante l’interazione sociale con un animale appositamente formato.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.