Effetto Paralimpiadi, la “scoperta” della disabilità in Cina

Oltre il 95% degli intervistati in un recente sondaggio online ha detto di aver prestato maggiore attenzione alle persone con disabilità intorno a sé dopo aver seguito i Giochi Paralimpici di Tokyo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Cina

La Cina “scopre” la disabilità. Effetto-Paralimpiadi sulla società e il welfare cinese. Oltre il 95% degli intervistati in un recente sondaggio online ha detto di aver prestato maggiore attenzione alle persone con disabilità intorno a sé dopo aver seguito i Giochi Paralimpici di Tokyo.Cina

Disabilità  in Cina

Secondo il sondaggio condotto dal China Youth Daily, quasi l’89% dei 1.273 intervistati ha notato che le persone con disabilità si trovano ad affrontare varie difficoltà nella propria vita. Tra cui problemi psicologici e finanziari. Svantaggi nell’istruzione e nel lavoro. Nonché disagi durante i viaggi. Del totale degli intervistati, il 67% ha espresso la speranza di vedere rafforzato il supporto sociale per tale gruppo. Mentre il 65,8% ha suggerito un’istruzione più mirata e maggiori opportunità di lavoro. Infine, oltre il 60% ritiene che si dovrebbe dare maggior spazio alla consulenza psicologica.Cina

Welfare

In un sistema fortemente burocratizzato e rigido come il regime cinese i cambiamenti sono sempre graduali. Emerge, però, da vari indicatori socio-economici come la pandemia abbia aggravato i disagi sociali della parte più fragile della popolazione. Il governo ha avviato programmi di ripresa e di supporto economico. Sarà aumentato, dunque, il vitalizio aziendale. Oltre a un programma di risparmio pensionistico supplementare per i dipendenti delle imprese. A un vitalizio occupazionale. A un programma di pensioni supplementari. Per i dipendenti delle agenzie governative. E delle istituzioni pubbliche. Almeno questi sono i programmi presentati anche con chiare finalità propagandistiche in un contesto a granitico controllo governativo che reprime ogni pubblica espressione di dissenso.

Un foxbot nella fabbrica di Shenzhen, in Cina

Piano governativo

Nel piano statale si prevede anche che i programmi pensionistici privati vengano incoraggiati. Saranno poi promulgate policy sui sussidi per i familiari a carico di soggetti deceduti. E per le persone con malattie e disabilità non legate al lavoro. Nel caso in cui siano coperte dal programma pensionistico di base per gli impiegati urbani. Al fine di migliorare il sistema di assistenza sociale, Pechino annuncia che lo Stato fornirà fondi speciali per assistenza sanitaria. Istruzione. Alloggio. E occupazione. Alle persone con difficoltà finanziarie. “In modo tempestivo e mirato”, assicurano le autorità di Pechino.

Supporto

Il Paese annuncia di rafforzare, inoltre, il supporto finanziario e il sostegno ai residenti rurali. In stato di grave povertà. Attraverso servizi di assistenza di “qualità superiore”. E fornirà un programma di assistenza sociale. Inquadrato e a più livelli. Sarà poi migliorato il piano di indennità. Sarà estesa dai 16 ai 18 anni l’età dei minori idonei coperti dal programma di assistenza per le persone in stato di grave povertà. Mentre verranno dati sussidi di emergenza provvisori alle famiglie. E agli individui qualificati per l’assistenza temporanea. Tutto ciò è messo nero su bianco in un un documento governativo. Una riforma di miglioramento sociale, per il momento, sulla carta.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.