Università Cattolica, 11 settembre spin-off in Egitto per la formazione manageriale

Con i suoi 42 mila studenti, l'ateneo fondato da padre Agostino Gemelli è la più grande università privata in Europa. "E4Impact" ha come obbiettivo quello di aiutare Medio oriente e Africa a beneficiare di uno sviluppo sostenibile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:20
Egitto
Formazione in Egitto: al via l’11 settembre l’innovativa sfida dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. L’Innovation Hub ospita al momento oltre mille studenti. E si propone di diventare leader in Egitto nei corsi di formazione. Dedicati all’ imprenditorialità e all’innovazione. Esperti da Egitto e Italia. Mentors. Piattaforme digitali. Connessioni con società italiane. Una sessione “B2B” di una settimana a Milano. Cioè “business-to-business”. Commercio interaziendale. Transazioni commerciali elettroniche tra imprese. Ecco alcuni altri elementi del mini-Mba. Il corso inizierà la prossima settimana. E le iscrizioni sono state molto numerose.
Egitto

Formazione in Egitto

Formazione, anche in Egitto il “mini-Mba” di “E4Impact”. E’ stato presentato il corso manageriale dello spin-off dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Con un evento svoltosi al Cairo, è stata lanciata ufficialmente l’iniziativa. Con cui un’emanazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano espande la propria azione in Medio Oriente ed Africa. Inserendo l’Egitto fra i Paesi nei quali propone una versione breve del “Master in Business Administration” (Mba). Uno dei massimi titoli di formazione manageriale. L’iniziativa è nata da un’opera di raccordo. Svolta dall’Ambasciata d’Italia nella capitale egiziana.
Egitto

E4Impact

Il Mini Mba impact entrepreneurship è stato inizialmente “disegnato” dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. E realizzato in maniera congiunta dalla fondazione egiziana “‘El Sewedy Education'”. E da ‘E4Impact'”, lo “spin off” dell’ateneo milanese. L’iniziativa è stata illustrata con una conferenza nel giardino della residenza dell’ambasciatore d’Italia al Cairo, Giampaolo Cantini. Si tratta di un programma online descritto come una “spinta per start-up”. In sole 16 settimane consente ai partecipanti di avere strumenti per aumentare clientela e vendite. E ottenere accesso a investitori. Fornitori. E potenziali partner d’affari in Egitto, Italia ed Africa.
Egitto

Sviluppo sostenibile

Con i suoi 42 mila studenti, la Cattolica di Milano è la più grande università privata in Europa E “E4Impact” ha come obbiettivo quello di aiutare Medio oriente e Africa. Affinché possano beneficiare di uno “sviluppo sostenibile“, sottolinea Fabio Petroni. Direttore dei programmi della fondazione. E4Impact ha iniziato a operare nel 2010 in Kenya. E ora è attiva in 17 Paesi. Arrivando ad “accelerare” il successo di 6 mila imprenditori. Che hanno creato 16 mila posti di lavoro. Aggiunge Petroni: “l’85% dei partecipanti sono stati in grado di avviare una nuova azienda. L’ 87% ha aumentato la propria clientela in un anno. E l’81% ha incrementato anche il fatturato. El Sewedy Education è una fondazione molto attiva nel campo dell’istruzione superiore. In particolare con la creazione di un ‘Innovation Hub’. Nella nuova capitale amministrativa egiziana.

Accordo di partenariato

Giampaolo Cantini evidenzia che l’ambasciata ospitò la firma dell‘accordo di partenariato l’8 marzo 2020. E ha avuto un ruolo decisivo nel connettere le due fondazioni. Impegnate a realizzare questa iniziativa egiziana. Dante Campioni è l’amministratore delegato di Alexbank. Controllata egiziana del gruppo Intesa Sanpaolo. Campioni sostiene che questo Mba “può aiutare molto nel dar forma allo sviluppo che avremo in Egitto”. Dove “ci sono molti talenti”. E dare loro “l’adeguato sostegno in termini di formazione” contribuirà alla realizzazione dei piani dell’ amministrazione egiziana.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.