“Boom di richieste di aiuto e di eccedenze alimentari recuperate”

Sos per le fasce sociali che mai prima della pandemia si erano rivolte a strutture caritative. Intervista a Interris.it di Lidia Borzì, presidente Acli Roma sulla campagna contro lo spreco alimentare: "Il pane è un alimento semplice ma non è un semplice alimento"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

“Non sprecare il pane è doppiamente necessario in pandemia“, afferma a Interris.it Lidia Borzì, presidente Acli Roma e promotrice della campagna per recuperare il cibo invenduto da mense e negozi di alimentari per sfamare i poveri.

Durante il lockdown chi si rivolge al vostro segretariato sociale per chidere aiuto?

“L’emergenza coinvolge in modo prioritario i senza fissa dimora e coloro che vivono tutto l’anno situazioni di fragilità. In pandamia ci arrivano, però, molte richieste di aiuto anche da persone e nuclei prevalentemente monogenitoriali che finora erano sempre riusciti ad affrontare da soli le difficoltà e che, prima del lockdown, riuscivano in qualche modo a restare in linea di galleggiamento senza dover ricorre al sostegno di realtà assistenziali”

A chi si riferisce?

“Ai piccoli negozianti ridotti sul lastrico dall’emergenza sanitaria, ai lavoratori a giornata, agli occupati in nero, a badanti e persone che prestavano servizio nelle case. Non ce la fanno a dare da mangiare ai figli e per la prima volta in vita loro chiedono aiuto ad associazioni di volontariato ed enti caritativi. Per questo alle Acli di Roma abbiamo messo in piedi un centralino di segretariato sociale al quale arrivano in continuazione richieste di auslilo da parte di fasce sociali che finora erano sempre riuscite a cavarsela da sole”.

Voi recuperate il pane. Qual è il valore in pandemia della lotta allo spreco alimentare? 

“Il pane è un alimento semplice ma non è un semplice alimento. Il pane è un cibo primario ma ha anche una grande simbologia. Compagno deriva etimologicamente dal latino “cum-panis”, essere compagni significa condividere il pane. In questo periodo di distanziamento sociale obbligato, la condivisione del pane è ancor più un segno di vicinanza. Durante il lockdown tante famiglie sono tornate anche a fare il pane in casa. Non specare il pane è un dovere verso coloro che ne sono privi. Oggi a causa dell’emergenza sanitaria viene a mancare il pane a migliaia di persone che, pur tra mille difficoltà quotidiane, prima della pandemia non ne avevano mai sofferto la mancanza”

Spezzare insieme il pane ha anche un significato religioso…

“Sì e ciò è tanto più sentito ora che per le misure anti-contagio i credenti sono costretti a rinunciare all’Eucarestia. Non sprecare il pane e anzi condividerlo è anche un’esigenza spirituale e religiosa. Il pane è portatore di una serie di significati che vanno oltre il cibo. Significa anche tenere in vita legami che con il distanziamento reale non si posso concretamente esprimere”

Come sta andando durante il lockdown la raccolta del pane? 

“E’ molto aumentato in pandemia il recupero di eccedenze alimentari. Stiamo riscontrando una diffusa generosità da parte di forni e anche di ristoranti chiusi dal blocco delle attività che mettono a disposizione dei più bisognosi non solo le eccedenze ma anche le materie prime”.

 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.