Basket in carrozzina, sotto canestro lo sport sociale supera la disabilità

Le discipline paralimpiche riempiono di senso il concetto di "sport di cittadinanza". In campo le misure per l'inclusione con i bandi "Vivi lo sport 2021"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
basket
La Lega Basket decreta la fine del campionato di serie A a causa della pandemia

Il basket in carrozzina come strumento educativo e sociale. La “SS Lazio Audaci Boys”  nasce dall’iniziativa di Moreno Paggi. Con l’idea di promuovere lo sport tra le persone con disabilità e non solo. Per diffondere l’attività sportiva. Intesa come fattore di promozione umana. E di reinserimento sociale. Decidendo di puntare tutto sui giovani e sulla periferia. Lo scopo è di avviare i giovani atleti all’agonismo. Ma soprattutto di dare vita a un impegno forte in ambito sportivo. Finalizzato a creare occasioni di arricchimento. Interiore. Esperienziale. E motivazionale. La squadra “SS Lazio Audaci Boys” esordirà il 9 gennaio 2022. Nella partita di campionato nazionale di Serie B girone di andata. Il settore giovanile gli “Audaci Boys” costituisce l’asse portante della società. Fulcro della attività socio-sportiva. Ed è sostenuto da un volontariato attivo. E partecipato dai genitori dei ragazzi. Per portare lo sport oltre ogni impedimento. basket

Senza barriere

Il basket in carrozzina come strumento di inclusione. Lo sport come palestra di vita e di comunità. Per il superamento delle barriere fisiche. E per andare al di là degli impedimenti della disabilità. La Regione Lazio ha ospitato la presentazione ufficiale della Società Sportiva Lazio basket in carrozzina. “La compagine biancoceleste SS Lazio Basket in carrozzina si appresta ad intraprendere la sua avventura nel campionato nazionale in serie B– osserva l’assessore ai Grandi Eventi, Sport e Turismo di Roma Capitale, Alessandro Onorato- Le discipline paralimpiche stanno finalmente prendendo lo spazio e la visibilità che meritano. Il nostro obiettivo è rendere gli impianti comunali privi di barriere architettoniche. Come per il ‘Nando Martellini’ i cui lavori partiranno a breve. Intendiamo  dare ampio spazio allo sport di base. Fondamentale per la crescita dei nostri ragazzi”.basket

Basket inclusivo

Lo sport come opportunità per scongiurare il rischio della marginalità. Non esistono isolamento né ostacoli relazionali laddove prevale lo spirito della competizione sportiva. Ponendo la socializzazione di una disciplina di squadra come il basket in carrozzina al centro di un progetto di condivisione. “SS Lazio Audaci Boys” Basket in carrozzina fa parte della Polisportiva Lazio. Ed è all’esordio nel torneo nazionale di categoria Serie B FIPIC. A presentare l’evento sono stati l’assessore ai Grandi Eventi, Sport e Turismo di Roma Capitale, Alessandro Onorato. Il delegato del presidente allo Sport presso Regione Lazio, Roberto Tavani. E la consigliera di Roma Capitale, Claudia Pappatà. Presenti anche il presidente della Polisportiva SS Lazio, Antonio Buccioni. E il vicepresidente della fondazione Lazio 1900, Federico Eichberg.

Sport di cittadinanza

“Ospitiamo la presentazione della squadra ‘SS Lazio Audaci Boys’. All’avvio della stagione sportiva agonistica 2021/22 della Lazio Basket in Carrozzina. Questo ci rende particolarmente orgogliosi- afferma il delegato allo Sport della Regione Lazio, Roberto Tavani -. Questo gruppo di ragazzi merita ogni fortuna. Perché riempie di senso il concetto di ‘sport di cittadinanza‘. Come giunta Zingaretti siamo orgogliosi di aver messo in campo tante misure. Come ad esempio i bandi “Vivi lo sport 2021”. In questo modo nel 2022 saranno finanziati 19 progetti di riferimento paralimpico“. Tra cui, aggiunge Tavani, un progetto della SS Lazio Basket in carrozzina. E ‘Sport senza barriere‘. Che mette in campo 6 milioni per il miglioramento dell’impiantistica sportiva. Lo sport favorisce e garantisce la promozione della socialità. Dell’inclusione e dell’integrazione. Anche per questo “siamo contenti di avere qui la Lazio Basket. Augurandogli ogni fortuna per la nuova stagione agonistica”. basket

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.