Alberi per la tutela della Casa comune. La lezione della “Laudato si'”

Chiunque pianterà almeno un albero su www.treedom.net ne riceverà un altro in regalo. Il significato ecologico sociale dell'iniziativa secondo Federico Garcea,amministratore delegato di Treedom

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
alberi

Alberi come sentinelle del creato. Diceva Martin Luther King: “Anche se sapessi che domani il mondo andrà in pezzi, vorrei comunque piantare il mio albero di mele. Gli alberi come salvaguardia del creato. All’Ufficio Onu di Nairobi papa Francesco ha detto: “Piantare un albero è un invito a continuare a lottare contro fenomeni come la deforestazione e la desertificazione. Piantare un albero ci provoca a continuare ad avere fiducia. A sperare. E soprattutto a impegnarci concretamente. Per trasformare tutte le situazioni di ingiustizia e di degrado che oggi soffriamo”. Secondo l’impostazione green della “Laudato si'” una campagna sarà attiva dal 19 al 26 aprile sulla piattaforma www.treedom.net . Un atto d’amore per il Pianeta con gli alberi di Treedom Baobab, Mango e Markhamia. Protagonisti della campagna di Treedom in occasione dell’Earth Day.alberi

Alberi per la vita

Chiunque pianterà almeno un albero su treedom.net (la piattaforma italiana che permette di piantare alberi a distanza) ne riceverà un altro in regalo.Il Baobab, la Markhamia, detta anche tulipano del Nilo, e il Mango da piantare in Kenya. Sono i protagonisti dell’impegno di Treedom. Per contribuire a rendere il pianeta più verde. Con un semplice click l’utente può scegliere tra loro e molti altri alberi da piantare. E se lo farà ne riceverà un altro in regalo. Che Treedom pianterà direttamente in uno dei suoi progetti nel mondo. L’iniziativa si propone di richiamare l’opinione pubblica ad un impegno attivo. Per la salvaguardia del pianeta. alberi

Piattaforma

“Vogliamo impegnarci insieme alle persone che ogni giorno piantano alberi grazie alla nostra piattaforma– spiega Federico Garcea, amministratore delegato di Treedom-. Per questo regaleremo alberi a coloro che pianteranno con noi. Il tema dell’Earth Day di quest’anno è ‘Restore our Earth’. Significa riparare il nostro pianeta. E niente, come un albero, può aiutarci a realizzare questo obiettivo”.Alberi

Comunità

Fondata a Firenze nel 2010, Treedom è la prima piattaforma al mondo che permette di piantare alberi a distanza. E finanziare comunità di contadini. Che grazie agli alberi avranno nuove e migliori opportunità alimentari ed economiche. “Un albero assorbe anidride carbonica e dona ossigeno– puntualizza Federico Garcea-. Un albero può trattenere il terreno con le proprie radici. Essere rifugio per tanti animali. Donare nettare e bellezza con i propri fiori. E infine fornire frutti per tutti i contadini coinvolti nei nostri progetti. Un albero è davvero lo strumento migliore che abbiamo per dare un futuro al nostro pianeta”.

Molti benefici

Su treedom.net si può scegliere la specie da piantare. Baobab, cacao, mango, eccetera. E il paese dove farlo. L’albero verrà piantato da contadini locali che se ne prenderanno cura. E ne trarranno molti benefici, non solo ambientali, ma anche economici. Gli alberi possono anche essere regalati. E per le aziende questo rappresenta un modo innovativo di creare un legame duraturo con i propri clienti e dipendenti.Alberi

Modello

“Se noi rappresentiamo la conoscenza come un albero, noi sappiamo che le cose che sono divise sono anche connesse. Noi sappiamo che osservare le divisioni e ignorare le connessioni significa distruggere l’albero“, testimonia Wendell Berry. Romanziere, poeta e critico culturale, ma anche agricoltore, attivista ecologista, pacifista. Autore di saggi, romanzi, raccolte di poesie, ha ricevuto una lunga serie di riconoscimenti e fellowship. Ha insegnato in diverse università nordamericane. Critico di quella che chiama l’”economia faustiana” del nostro tempo, Wendell Berry intreccia la riflessione poetica e spirituale sui valori della vita rurale. Con i temi del rispetto ambientale e dell’agricoltura sostenibile.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.